Progetto Silver Economy Italia Filiera Life Sciences di Assolombarda. Coordinatrice Filiera Mariuccia Rossini Gruppo Korian

Description
Progetto Silver Economy Italia Filiera Life Sciences di Assolombarda Coordinatrice Filiera Mariuccia Rossini Gruppo Korian 1 Il contesto Il progetto Silver Economy Italia nasce all interno della Filiera

Please download to get full document.

View again

of 25
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Food & Beverages

Publish on:

Views: 2 | Pages: 25

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Progetto Silver Economy Italia Filiera Life Sciences di Assolombarda Coordinatrice Filiera Mariuccia Rossini Gruppo Korian 1 Il contesto Il progetto Silver Economy Italia nasce all interno della Filiera Life Sciences di Assolombarda Confindustria Monza e Brianza, luogo dell associazione in cui le imprese operanti nella filiera delle scienze della vita possono fare networking, conoscere le rispettive attività e sviluppare insieme progetti di business. La Filiera Life Sciences collabora altresì con il Cluster Lombardo Scienze della vita, che sta supportando il progetto attraverso il proprio network. A parere delle imprese partecipanti alla Filiera, e come dimostrano studi più approfonditi, le opportunità legate alla Silver Economy in Italia (ovvero l insieme delle opportunità economiche legate al target degli over 65) sono ampiamente sotto-sfruttate, pur essendo un mercato di grande interesse per molteplici settori che gravitano intorno ai bisogni di tali clienti (vedi allegato 1 Le opportunità della Silver Economy). Inoltre, si tende a pensare erroneamente alla cosiddetta Terza Età solo in termini di bisogni sanitari e socio-assistenziali, mentre tale target presenta diverse fasce di età che hanno bisogni molto variegati e afferenti a più settori merceologici (vedi slide successiva). PROBLEMA: il mercato dei prodotti e servizi dedicati al cliente over 65 è in Italia molto frammentato, non c è una comunicazione univoca rispetto all importanza di questo target (a differenza di altri Paesi come la Francia) e non c è un attenzione particolare verso la qualità dell offerta a esso dedicata. 2 Farmaceutica Materie prime chimiche Prodotti alimentari e integratori Produttori di prodotti a largo consumo Trasporto prodotti Largo consumo Aziende farmaceutiche Trasporto Farmaci e prodotti nutrizionali GDO Servizi aziende farmaceutiche Farmacie e Parafarmacie Biomedicale Aziende biomedicali Cliente Silver Macchinari e componenti per settore biomedicale Componenti e materiali medici Strutture Sanitarie Servizi alla sanità Servizi di supporto terapeutico Servizi per le strutture Sanitarie Aziende turismo e leisure Arredamento e domotica Hospitality & leisure Servizi trasversali a tutte le imprese Raccolta e gestione dati Servizi ICT e e-health HR e Age Management Servizi di traduzione Servizi energetici Editoria, comunicazione e congressuale Il progetto di Filiera: contenuti e obiettivi BUSINESS IDEA IL BRAND: creazione di un brand nazionale legato alla Silver Economy italiana, in grado di dare un indicazione di qualità e di immagine univoca a tutti i prodotti e servizi disponibili e specificamente dedicati al target over 65, di interloquire con l utenza e di creare valore attraverso la leva della comunicazione al target e l intermediazione per conto delle imprese partecipanti. PROGETTO: creazione di un sito web, user-friendly e dal carattere editoriale, veicolo per il brand suddetto e dedicato all informazione verso i clienti silver, dove si dia evidenza non solo dei prodotti e servizi finali disponibili, ma anche delle eccellenze di filiera che stanno a monte o a latere. OBIETTIVI PROGETTO dare visibilità alle eccellenze presenti sul territorio e rendere noto al target di riferimento che i prodotti e servizi messi a sua disposizione provengono da una filiera integrata ed eccellente attenta a soddisfare le sue specifiche esigenze; costituire un ulteriore mezzo promozione per le aziende, in grado di creare lead e quindi valore; creare una community delle imprese del settore, al fine di stimolare collaborazioni, contatti di business e senso di appartenenza. 4 Missione e visione MISSIONE sviluppare il mercato e sfruttare le opportunità date dalla Silver Economy italiana attraverso la comunicazione integrata di prodotti e servizi di eccellenza presenti sul territorio, lombardo prima e nazionale poi, profilati e dedicati al target, con l obiettivo di fornire un servizio unico al cliente silver. VISIONE valorizzare e far emergere la filiera eccellente della Silver Economy italiana, a beneficio sia delle imprese che operano in tale comparto, che potranno usufruire di una comunicazione di immagine unica e univoca, sia, soprattutto, a beneficio del consumatore finale, che potrà accedere in maniera diretta e informata a un offerta integrata di prodotti e servizi pensati per i suoi bisogni specifici. 5 Vantaggi per le imprese 1. Sfruttamento di un immagine e di un marchio di qualità comune e riconosciuto a livello locale e nazionale, legato a una filiera di eccellenza 2. Vetrina ulteriore per la promozione dei propri prodotti/servizi 3. Sfruttamento delle sinergie con altre aziende partecipanti (es. accordi di partnership e commerciali, creazione e offerta di nuove soluzioni congiunte, ecc.) 4. Sfruttamento di un punto di accesso unico per il cliente, con un Contact Center centralizzato che gestisce le richieste 5. Possibilità di veicolare ai clienti anche altri contenuti legati ai propri prodotti/servizi (es. articoli di approfondimento) 6. Possibilità, nel tempo, di accedere a un database profilato sui clienti molto interessante 6 La vetrina per l azienda Ogni azienda partecipante, oltre a usufruire del marchio comune, avrà a disposizione una propria scheda prodotto/servizio all interno del sito, con l unico onere di profilare tale scheda specificatamente per il cliente silver. Ciascuna azienda potrà poi collaborare con il responsabile del coordinamento editoriale per sviluppare contenuti editoriali ad hoc che contribuiscono a promuovere i propri prodotti/servizi. Come ulteriore servizio al cliente, il progetto prevede, a partire dal secondo anno di attività, l affiancamento alla piattaforma di un servizio di call center specializzato a rispondere ai quesiti dei clienti sui prodotti/servizi presenti sulla piattaforma. 7 Contratto di rete e fondo patrimoniale La forma di collaborazione ideale identificata per sviluppare il progetto è rappresentata dal contratto di rete, che consente alle imprese fondatrici di collaborare pur mantenendo una significativa autonomia nella propria attività. I costi di sviluppo del progetto verranno sostenuti attraverso il fondo patrimoniale della rete. Quest ultimo verrà alimentato nel primo anno dagli apporti economici delle aziende fondatrici e promotrici. A seguito dello sviluppo della piattaforma, tale fondo potrà essere alimentato anche attraverso le quote di accesso al sito pagate dalle aziende iscritte al sito, che non entreranno a far parte del contratto di rete. Se il progetto avrà un evoluzione positiva, si potrà trasformare il contratto di rete in una rete con soggettività giuridica o addirittura in una start-up a tutti gli effetti, strutturando un business model con ritorno economico e una propria struttura di funzionamento. 8 Tipi di aziende partecipanti 1. Le aziende retiste, ovvero le imprese fondatrici che fanno parte del contratto di rete e che hanno gestito e sostenuto l avviamento iniziale del progetto. Tali aziende detengono la governance del progetto; 2. le aziende iscritte alla piattaforma, che pagheranno una fee annuale di partecipazione equiparabile a quella pagata dalle aziende fondatrici (variabile in funzione del fatturato dell azienda). Le aziende iscritte non avranno un ruolo nella governance, ma rappresenteranno piuttosto dei partner commerciali e utenti del sito web. 9 Il ruolo delle imprese fondatrici Le aziende fondatrici avranno il compito di avviare e gestire il progetto in ogni suo aspetto. Inoltre, avranno il compito di coordinare e selezionare i nuovi ingressi nella rete e le nuove iscrizioni di imprese al sito, in modo tale da preservare la qualità e pertinenza dell offerta ivi presente. Ciascuna delle imprese che prenderà parte al contratto di rete dovrà ricoprire specifici ruoli di coordinamento e operativi, al fine di consentire il corretto funzionamento della rete e la realizzazione operativa del progetto. Ciascun ruolo potrà essere dato a rotazione a imprese diverse (facendo salvo il possesso di specifiche competenze necessarie per ricoprire il ruolo). Attività fondamentali: Gestione generale delle attività della rete (cosiddetto manager di rete); coordinamento delle attività di marketing e comunicazione, ivi compreso il coordinamento specifico di tutte le attività editoriali; gestione e aggiornamento della piattaforma web; gestione delle caratteristiche del target e profilatura prodotti e servizi specifici. 10 I vantaggi per le imprese fondatrici Verranno studiati possibili vantaggi e diritti di esclusiva per le imprese fondatrici in modo da controbilanciare in particolare l impegno profuso in ore-uomo per la realizzazione del progetto. Alcuni esempi di tali vantaggi potrebbero essere: Possibilità di concordare un periodo di esclusiva, in termini di presenza sul sito, per i prodotti o servizi trattati dalle imprese fondatrici, in modo da assicurare un ritorno certo in termini di visibilità a quelle aziende che si impegneranno nello sviluppo del progetto. In alternativa, si potrebbe pensare di garantire ai fondatori un veto di accesso nei confronti di aziende follower che abbiano prodotti simili, ma con alcune limitazioni forti (ad es: esercitabile solo due volte e solo il primo anno). In tal modo la scelta ricadrebbe sulla singola azienda, con la possibilità di una maggiore apertura verso l esterno. Visibilità maggiore all interno del sito dei contenuti provenienti dalle imprese fondatrici (cosiddette boosting rules) Eventuali ritorni economici futuri riservati solo alle aziende fondatrici Partecipazione al comitato di valutazione che verrà istituito per valutare i prodotti e servizi (e quindi le aziende) che in futuro entreranno nel sito web, con l obiettivo di garantire il mantenimento di una qualità elevata a beneficio del consumatore finale 11 Fasi del progetto Il progetto si svilupperà in 2 momenti: 1. Fase pilota in area lombarda (2 anni): creazione di un contratto di rete tra le aziende fondatrici che si impegneranno a sviluppare, gestire e promuovere la piattaforma digitale attraverso la quale informare e proporre all utenza prodotti e servizi profilati per il target. 2. A conclusione positiva della fase iniziale, allargamento progressivo dell iniziativa a tutto il mercato nazionale, prevedendo una diversa articolazione degli aderenti e della logistica. 12 SWOT Analysis progetto Punti di forza (Strenghts) Novità Progetto pensato in ambito associativo Snellezza della struttura operativa Competenze disponibili Imprese aderenti Opportunità (Opportunities) Mercato vergine e in costante crescita nel tempo Prodotti e servizi esistenti da innovare solo parzialmente Volumi potenziali estremamente interessanti Punti di debolezza (Weaknesses) Novità Ritorno di immagine ed economico sul medio-lungo periodo Minacce (Threats) Domanda da organizzare in modo coordinato Possibili competitors Time to market 13 Il mercato e le soluzioni da includere I prodotti e servizi da includere rispondono ai bisogni del target in maniera specifica, non sono prodotti e servizi generici. Un possibile novero delle soluzioni da includere nella piattaforma è: Servizi sanitari e socio-sanitari dedicati Servizi a domicilio (assistenza sanitaria, assistenza infermieristica, teleassistenza, badanti, servizi di riparazione, servizi di pulizia, servizi di assistenza per le attività quotidiane, sport coach, ecc.) Servizi di arredamento e domotica Utilities (energia, riscaldamento, telefonia, ecc.) Servizi finanziari e assicurativi Trasporti e mobilità Prodotti alimentari e nutraceutici (incluso il food delivery) Attività culturali Entertainment e hobby (spettacoli, eventi, ecc.) Lavoro e attività formative Attività sociali (associazioni, volontariato, ecc.) Sport e benessere Viaggi e turismo (slow travel, accoglienza speciale, turismo organizzato) Prodotti di largo consumo specifici per il target (elettrodomestici, abbigliamento e calzature, articoli sportivi, ecc.) Dispositivi medici (per il consumatore finale) 14 Prospettive di mercato Nella prima fase di sperimentazione, verranno condotte ricerche e indagini per comprendere il gradimento della business idea da parte del mercato. Inoltre, sarà di fondamentale importanza istituire un chiaro metodo di monitoraggio dei lead generati dalla piattaforma in termini di visibilità e di ritorni economici per le imprese. In tal senso, si potrebbe sfruttare il codice utente che ciascun cliente silver avrà quando si iscriverà alla piattaforma. Gli utenti iscritti potrebbero accedere a ulteriori funzionalità, come i form di contatto diretto con le aziende, e ricevere sconti in sede di acquisto del prodotto o servizio avvenuto tramite la presentazione del codice utente. Le aziende dovranno monitorare i contatti provenienti dalla piattaforma (operazione abbastanza agevole a livello digitale) e i clienti che esibiscono il codice silver in sede di acquisto. Tale struttura di feedback permetterà di instaurare un sistema virtuoso per cui il cliente finale si sentirà parte di una comunità privilegiata e le aziende avranno una chiara idea del ritorno che la piattaforma Silver Economy Italia ha per il loro business. 15 I contenuti del sito Una proposta di macro-categorie di contenuti da inserire nel sito dedicato ai silver è la seguente: Tempo libero (viaggi, cultura, eventi, hobby, formazione, volontariato) Salute (prevenzione e cura, alimentazione, tecnologia) Vita quotidiana (servizi, trasporti, convenzioni, banche e assicurazioni) Benessere e comfort (alimentazione, beauty, casa e arredo, sport) News e approfondimenti (articoli, attualità, istituzioni) Eventi, incontri e occasioni (anche delle aziende partner) Inoltre, il sito avrà anche le seguenti sezioni maggiormente dedicate al progetto sottostante: Chi siamo (descrizione del progetto, contatti, elenco aziende fondatrici) Obiettivi del progetto, servizi, numero customer care Aziende partner (schede aziende, localizzazione, form di contatto, ecc.) Sezione B2B (registrazione utente business e lista di aziende inserite nel sito) 16 Piano di comunicazione Le attività di comunicazione da prevedere sono: 1. Promozione digitale del sito web e dei suoi contenuti attraverso gli strumenti di digital marketing più idonei 2. Promozione tramite pubblicità tradizionale (da valutare quale canale è più efficace) 3. Promozione presso le istituzioni, con il supporto di Assolombarda e del sistema confindustriale 4. Eventi di lancio sui territori 5. Promozione tramite i canali esistenti delle aziende partecipanti e tramite i canali di Assolombarda e Assolombarda Servizi (come servizio offerto ai dipendenti delle imprese associate) In futuro, creazione di una vera e propria fiera italiana della Silver Economy, sulla scia dell esperienza francese (www.silver-economy-expo.com), all interno della quale promuovere e sviluppare il progetto a livello nazionale. 17 Fabbisogni finanziari primo anno (1/3) Durante il primo anno di sviluppo, i costi saranno sostenuti dalle imprese che prenderanno parte al contratto di rete. I costi relativi al primo anno, stimati tra i e i euro, serviranno per svolgere le seguenti attività: 1. Stesura del contratto e del regolamento di rete, incluse le spese notarili; 2. Creazione della brand identity del progetto e della piattaforma; 3. Registrazione del naming e del marchio; 4. Sviluppo del sito web; 5. Avvio della comunicazione digitale; 6. Produzione testi editoriali e coordinamento dei contenuti sul sito; 7. Approfondimento sul target. 18 Fabbisogni finanziari primo anno (2/3) A titolo di esempio, ipotizzando la partecipazione di almeno 2 aziende per ognuno dei settori di interesse, si avrebbero 30 aziende partecipanti al contratto di rete. Ipotizzando che di queste 30, la metà abbia un fatturato inferiore ai 10 milioni e l altra metà un fatturato superiore ai 10 milioni di euro, e ipotizzando un costo di euro per lo sviluppo del progetto, le quote potrebbero essere così ripartite: Aziende con fatturato superiore ai 10 milioni di euro euro Azienda con fatturato inferiore ai 10 milioni di euro euro Le reali quote verranno decise in funzione delle aziende partecipanti in sede di definizione del contratto di rete. 19 Fabbisogni finanziari primo anno (3/3) Contratto di rete Branding ATTIVITA Registrazione marchio Sviluppo piattaforma digitale Comunicazione digitale (pay-per-click, social, analytics, newsletter) Attività editoriale (coordinamento, ufficio stampa, produzione testi e contenuti, coordinamento schede aziende) TOTALE COSTO O RANGE DI COSTO Da ,83 euro a ,22 euro Da euro a euro euro euro euro euro Da a euro 20 Fabbisogni finanziari secondo anno (1/2) I costi stimati per il secondo anno sono intorno ai euro e includono: 1. Mantenimento e aggiornamento del sito web; 2. Coordinamento e produzione dei contenuti editoriali del sito; 3. Comunicazione e marketing digitale per la piattaforma; 4. Attività di customer care tramite call center. I costi verranno sostenuti dalle imprese retiste e dagli apporti delle imprese iscritte alla piattaforma che confluiranno nel fondo patrimoniale della rete. Per incentivare una partecipazione immediata al progetto e per non creare situazioni di squilibrio, la quota di iscrizione successiva al sito web (senza partecipazione al contratto di rete) sarà identica alla quota pagata dalle aziende fondatrici (tenendo sempre conto dei diversi livelli di fatturato). Ipotizzando un adesione iniziale di 30 aziende alla piattaforma, durante il primo anno si potrebbe puntare a far aderire almeno altre 30 aziende, in modo da avere una base di offerta sul territorio lombardo molto interessante. 21 Fabbisogni finanziari secondo anno (2/2) ATTIVITA Gestione piattaforma Comunicazione digitale Customer care Attività editoriale e ufficio stampa Indagine target TOTALE COSTO O RANGE DI COSTO euro euro euro euro euro euro 22 Elenco imprese partecipanti al tavolo di lavoro AZIENDA SETTORE AZIENDA SETTORE CDI - Centro Diagnostico Italiano Servizi sanitari Openjobmetis Servizi HR Casa di Cura San Pio X Servizi sanitari Osservatorio Senior Contenuti editoriali Cinehollywood Cultura e Turismo Over ICT DHL Supply Chain Logistica Portolano Cavallo Servizi legali Contenuti editoriali Probiotic CGB Nutraceutica GI Group Servizi HR Residenze Anni Azzurri Servizi sanitari/rsa Gruppo Korian (Segesta) Servizi sanitari/rsa Rodenstock Occhiali e lenti Il Sipario Musicale Turismo/Eventi culturali Sanofi Farmaceutica IRCCS Humanitas Servizi sanitari Social4Social ICT Janssen Cilag Farmaceutica Status Design Lattanzio Group Consulenza Umana Servizi HR Neuroteam ICT per settore sanitario Vision Robotica Novavision Group Cosmeceutica/Dispositi vi medici 23 Step progettuali: anno 1 1. GENNAIO-SETTEMBRE 2017: elaborazione proposta di progetto, business plan e approfondimento sul target (COMPLETATO) 2. SETTEMBRE-OTTOBRE 2017: raccolta adesioni delle aziende partecipanti 3. NOVEMBRE-DICEMBRE 2017: creazione dell aggregazione e creazione e registrazione del marchio. Avvio realizzazione del sito web. 4. DICEMBRE 2017 MARZO 2018: creazione della piattaforma web, realizzazione schede aziende e primi contenuti editoriali. 5. APRILE 2018: operatività del sito web e avvio attività di comunicazione e promozione della stessa. 24 Seguici su
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks