Politiche forestali e sviluppo rurale per la programmazione

Description
Convegno nazionale forestale Politiche forestali e sviluppo rurale per la programmazione FIRENZE, GENNAIO 2014 Aula Magna del Rettorato Piazza San Marco, 4 Se un albero scrivesse l'autobiografia,

Please download to get full document.

View again

of 12
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Sports

Publish on:

Views: 2 | Pages: 12

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Convegno nazionale forestale Politiche forestali e sviluppo rurale per la programmazione FIRENZE, GENNAIO 2014 Aula Magna del Rettorato Piazza San Marco, 4 Se un albero scrivesse l'autobiografia, non sarebbe diversa dalla storia di un popolo. Kahlil Gibran MERCOLEDÌ 15 GENNAIO 9.30 APERTURA LAVORI E SALUTI DELLE AUTORITÀ Introduce Prof. Mauro Agnoletti Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agrari, Alimentari e Forestali SONO PREVISTI GLI INTERVENTI DI: On. Ministro Nunzia De Girolamo Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali On. Ministro Andrea Orlando Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ing. Cesare Patrone Capo del Corpo Forestale dello Stato Dott.ssa Ilaria Borletti Sottosegretario di Stato, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dott. Gianni Salvadori Assessore all Agricoltura, Regione Toscana Prof. Alberto Tesi Rettore, Dott. Andrea Sisti Presidente del Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali SESSIONE 1 IL BOSCO COME BENE CULTURALE L assunzione di competenze da parte del ministero delle politiche agricole in materia di paesaggio rurale a seguito del DPR n. 41 del , l istituzione dell Osservatorio nazionale del paesaggio rurale, del registro nazionale dei paesaggi rurali storici, nonché le competenze in materia di candidatura UNESCO dei siti rurali, hanno cambiato lo scenario di riferimento relativamente agli strumenti di tutela del paesaggio. Ciò richiede una riflessione del settore forestale non solo sui concetti scientifici ma anche sulle strategie legate al ruolo del paesaggio per la competitività, la qualità ambientale e la qualità della vita e più in generale sui valori culturali che rappresentano uno dei pilastri della gestione forestale sostenibile. Moderatore: Dott.sa Rosanna Zari Vice Presidente del Consiglio dell ordine nazionale dei dottori agronomi e dei dottori forestali PAESAGGIO, CULTURA E IDENTITÀ NELLA GESTIONE FORESTALE SOSTENIBILE Prof. Mauro Agnoletti IL BOSCO SORGENTE E RIFLESSO DELLA NOSTRA CULTURA Dott. Amerigo Hofmann Osservatorio foreste e Ambiente Vallombrosa BOSCHI E BENI COMUNI Arch. Domenico Luciani Fondazione Benetton Studi Ricerche CONOSCENZE TRADIZIONALI E BENI CULTURALI LIGNEI: CONSERVAZIONE E INNOVAZIONE Prof. Marco Fioravanti Dibattito buffet SESSIONE 2 VERSO UN NUOVO APPROCCIO ALLA BIODIVERSITÀ Le strategie per la biodiversità richiedono una rivisitazione e la definizione di nuovi indirizzi gestionali non solo per il sistema delle aree protette e il network NATURA 2000, ma anche nelle politiche per lo sviluppo rurale. È necessario ampliare l approccio alla biodiversità tenendo in considerazione e armonizzando l origine antropica del paesaggio italiano e la conservazione di habitat definiti come naturali. Il fenomeno diffuso dell abbandono colturale e della successiva forestazione richiede una diversa e più ampia valutazione dei suoi effetti. Inoltre, si ravvisa la necessità di dover includere nelle strategie e azioni di tutela e conservazione della biodiversità anche i concetti di diversità bio culturale come elemento chiave per la corretta interpretazione delle caratteristiche ambientali del territorio italiano. Moderatore: Dott. Antonio Brunori Segretario generale PEFC Italia BIODIVERSITÀ E PAESAGGIO Prof. Marco Paci LE RADICI STORICHE DELLA BIODIVERSITÀ Prof. Diego Moreno Università degli Studi di Genova I LEGAMI FRA DIVERSITÀ BIOLOGICA E DIVERSITÀ CULTURALE Dott.ssa Ana Persic UNESCO SCBD Joint Programme on the Linkages between Cultural and Biological Diversity UNESCO, United Nations, New York IL RUOLO DELLA PIANIFICAZIONE PER LA VALORIZZAZIONE E TUTELA DELLE RISORSE NATURALI Dott.ssa Giuseppina Costantini Osservatorio Foreste dell Istituto Nazionale di Economia Agraria Dibattito coffee break SESSIONE 3 GESTIONE, MULTIFUNZIONALITÀ E DIVERSIFICAZIONE DELL ECONOMIA FORESTALE La stretta relazione che l uomo ha stabilito con le foreste, è stata fino a cinquant'anni fa, elemento imprescindibile per la sopravvivenza delle popolazioni di montagna e delle aree rurali italiane. Oggi, in un contesto socio economico profondamente cambiato, la funzione produttiva ha perso progressivamente importanza a vantaggio di altre funzioni, come la mitigazione al cambiamento climatico, la tutela della biodiversità, la difesa idrogeologica, le attività turistico ricreative. Si tratta di servizi di pubblica utilità, generati dai boschi ma la cui continuità può essere garantita solamente attraverso l intervento pianificatorio e gestionale dell uomo. In questo senso la multifunzionalità forestale può divenire una reale opportunità di diversificazione delle attività e di sviluppo del territorio, solamente se si riuscirà a coniugare le esigenze culturali e ambientali con quelle produttive, attraverso un percorso comune tra interessi privati e pubblici che non può prescindere dal riconoscimento dell importante ruolo svolto dagli operatori forestali nella montagna italiana. Moderatore: Dott.ssa Elisabetta Lupotto Dirigente di ricerca presso il Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura LINEE STRATEGICHE PER RILANCIARE L'OFFERTA DEI PRODOTTI FORESTALI DAI BOSCHI ITALIANI Prof. Davide Pettenella Università degli Studi di Padova LA GESTIONE DEI BOSCHI IN ITALIA: SOSTENIBILITÀ, ABBANDONO E RESPONSABILITÀ Prof. Luigi Hermanin IL PAESAGGIO STORICO COME VALORE ECONOMICO Prof. Tiziano Tempesta Università degli Studi di Padova GESTIONE FORESTALE E POLITICHE AMBIENTALI Dott. For. Remo Bertani RDM progetti Dibattito GIOVEDÌ 16 GENNAIO SESSIONE 4 PRODOTTI LEGNOSI Negli ultimi decenni una prolungata stasi delle utilizzazioni forestali ha avuto come conseguenza un accumulo sensibile delle masse legnose potenzialmente utilizzabili nei boschi italiani. Ne deriva l uscita di un ampia superficie forestale dall area dei macchiatici negativi in contemporanea con una maggiore attenzione degli operatori che colgono la crescente richiesta di prodotti legnosi a destinazione energetica. In un contesto economico che vede l Italia contemporaneamente come primo esportatore di prodotti finiti in legno e primo importatore di legno grezzo in Europa e nella prospettiva di perseguire la gestione attiva delle risorse forestali, questa sessione è dedicata all analisi e alla discussione del mercato dei prodotti legnosi, e all opportunità di una revisione calibrata dei vincoli territoriali e delle normative che regolano le utilizzazioni. Moderatore: Prof. Enrico Marchi PRODOTTO LEGNO NAZIONALE: OPPORTUNITÀ E LIMITI Dott. For. Paolo Mori Compagnia delle Foreste LE UTILIZZAZIONI FORESTALI PER LA SELVICOLTURA IN ITALIA: PROBLEMI E PROSPETTIVE Dott. Raffaele Spinelli Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree Consiglio Nazionale delle Ricerche IL PATTO PER LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA, UNO STRUMENTO DI LAVORO PER VALORIZZARE LE RISORSE LEGNOSE LOCALI Dott. Roberto Carovigno Regione Lombardia VIAGGIO NELL'ITALIA CHE USA ANCORA IL PROPRIO LEGNO: ESEMPI DI PRODOTTI DI LEGNO A KM 0 Dott. For. Andrea Zenari Istituto di tecnologia del legno Lazzari Zenari Dibattito coffee break SESSIONE 5 CAMBIAMENTI CLIMATICI E RISCHIO IDROGEOLOGICO L Italia è un paese a elevato rischio idrogeologico ma anche estremamente vulnerabile agli impatti del cambiamento climatico. Molti dei fenomeni di dissesto (pari all 80%) ricadono all interno di aree montane e rurali, dove la presenza di una notevole superficie forestale non soggetta ad una gestione attiva, non sempre riesce a garantire la stabilità dei versanti e degli alvei fluviali. Sicuramente la struttura orografica e morfologica del territorio e la sua composizione pedologica, rappresentano i principali fattori predisponenti di tali fenomeni, oggi maggiormente frequenti rispetto al passato, a causa dei cambiamenti climatici in corso e più in generale dall abbandono delle attività agro forestali e di presidio del territorio rurale. Obiettivo di questa sessione, sarà quello di proporre e valutare quali interventi operativi mettere in atto e quale ruolo può avere la gestione forestale nella prevenzione del rischio e nell adattamento al cambiamento climatico. Moderatore: Prof. Marco Marchetti Presidente di FSC Italia, Università degli Studi del Molise CAMBIAMENTI CLIMATICI E POLITICHE TERRITORIALI Prof. Riccardo Valentini Università degli Studi della Tuscia SISTEMAZIONI IDRAULICHE, BOSCHI E DISSESTO IDROGEOLOGICO Prof. Federico Preti MISURE SILVOAMBIENTALI ED ESIGENZE DEL TERRITORIO Dott.sa Franca De Ferrari, Dott. Marco Corgnati Regione Piemonte IL MERCATO VOLONTARIO DEI CREDITI AMBIENTALI E DEL CARBONIO IN TOSCANA Dott. Oreste Giurlani Presidente di UNCEM Toscana Dibattito buffet TAVOLA ROTONDA E CONCLUSIONI LA POLITICA FORESTALE NAZIONALE VERSO IL 2020 Alle soglie del nuovo periodo di programmazione UE le risorse forestali nazionali rappresentano un valore non delocalizzabile con potenzialità produttive, culturali, paesaggistiche, ambientali e sociali ancora in parte inespresse. Politiche di gestione integrate e tutela attiva sono le strategie più efficaci per la valorizzazione del territorio forestale. Quali approcci, strumenti e azioni servirebbero per guidare, nel contesto europeo e internazionale, le nuove politiche forestali italiane? SINTESI DELLE SESSIONI: Moderatore: Dott. Raoul Romano Osservatorio Foreste dell Istituto Nazionale di Economia Agraria Sessione 1 Prof. Mauro Agnoletti Sessione 2 Prof. Marco Paci Sessione 3 Prof. Davide Pettenella Sessione 4 Dott. Paolo Mori Sessione 5 Prof. Riccardo Valentini Parteciperanno alla Tavola rotonda La politica forestale nazionale verso il 2020 Prof. Corrado Clini Direttore Generale del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Direzione generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e l'energia Dott.ssa Sabina De Luca Capo dipartimento Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per lo sviluppo e la coesione sociale Dott. Giuseppe Blasi Capo dipartimento Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Arch. Roberto Banchini Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dott. Carlo Chiostri Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze, Area Sviluppo rurale, Regione Toscana Dott. Francesco Grohmann Servizio Foreste, Economia e Territorio Montano, Regione Umbria Dott. Romano Masè Dipartimento Territorio Ambiente e Foreste, Provincia Autonoma di Trento Progetto realizzato con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività previste dal programma Rete Rurale Nazionale In collaborazione con: PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI RETE RURALE NAZIONALE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Dipartimento delle politiche europee ed internazionali e dello sviluppo rurale Autorità di gestione della RRN Via XX Settembre, Roma
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks