nucleari; ; incidenti a convogli nucleari (codice di gravità correlato al grado di contaminazione

Description
LISTA INCIDENTI NUCLEARI E CORRELATI (1991-oggi) in costante aggiornamento Tratto da: I CODICI NUCLEARI Scala INES ((International Nuclear Event Scale), adottata internazionalmente

Please download to get full document.

View again

of 16
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Study Guides, Notes, & Quizzes

Publish on:

Views: 2 | Pages: 16

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
LISTA INCIDENTI NUCLEARI E CORRELATI (1991-oggi) in costante aggiornamento Tratto da: I CODICI NUCLEARI Scala INES ((International Nuclear Event Scale), adottata internazionalmente dall'iaea (International Atomic Energy Agency): - livello 0 (zero): Deviazione (non significativo per la sicurezza) - livello 1: Anomalia, con conseguenze praticamente nulle per la popolazione e l'ambiente. - livello 2: Guasto, con conseguenze sulle persone valutabili in dosi assorbite di radiazioni piuttosto basse - livello 3: Guasto grave, con conseguenze sulle persone valutabili in dosi assorbite di radiazioni piuttosto basse - livello 4: Incidente senza conseguenze significative all'esterno dell'impianto. Incidente con impatto esterno minore, con esposizione radiologica della popolazione circostante dell'ordine dei limiti prescritti. Guasto significante del nocciolo di un reattore nucleare o barriere protettive, con esposizione fatale di un lavoratore dell'impianto (Windscale -oggi Sellafield-, 1973; Saint-Laurent, 1980) - livello 5: Incidente con possibili conseguenze all'esterno dell'impianto. Rilascio all'esterno di materiale radioattivo, in quantità radiologicamente equivalente ai valori compresi tra 100 e 1000 Tera-Becquerel (TBq), richiedente una parziale attuazione di pianificate contromisure (Windscale - oggi Sellafield-, 1957; Three Mile Island, 1979) - livello 6: Incidente grave. Significante rilascio all'esterno di materiale radioattivo, in quantità radiologicamente equivalente a valori compresi fra 1 e 10 PBq di iodio-131, tale da richiedere la completa attuazione di pianificate contromisure facenti parte di un piano di emergenza esterno al fine di limitare gravi effetti sulla salute della popolazione (Mayak, 1957) - livello 7: Incidente molto grave. Rilascio all'esterno di un impianto di grandi dimensioni di ingenti quantità di materiale radioattivo (maggiori di 10 Peta-Becquerel (PBq) equivalenti di iodio-131) in un'area molto vasta con conseguenti effetti acuti sulla salute della popolazione esposta e conseguenze gravi sull'ambiente (Chernobyl, 1986) Classificazione del PENTAGONO degli incidenti riguardanti ordigni nucleari: - Empty quiver (faretra vuota): furto o smarrimento di un ordigno nucleare - Blunt Sword (spada spuntata): scomparsa di aerei, navi, sottomarini, ecc, trasportanti ordigni nucleari; incidenti a convogli nucleari (codice di gravità correlato al grado di contaminazione ambientale) - Bent Spear (lancia ricurva): scomparsa di aerei, navi, sottomarini, ecc, trasportanti ordigni nucleari; ; incidenti a convogli nucleari (codice di gravità correlato al grado di contaminazione ambientale) - Broken Arrow (freccia spezzata): grave rischio di esplosione degli ordigni nucleari (Lakeenheat, 27 luglio 1956; Goldsboro, 24 Gennaio 1961) INCIDENTI NUCLEARI FINO AL 1970 INCIDENTI NUCLEARI DAL 1970 AL Avaria nel sistema di raffreddamento nell impiato nucleare di Belleville Francia: errore umano causa lo spegnimento della stazione di Paluel Francia: infiltrazione nel sistema refrigerante causa spegnimento del reattore a Nogent Francia: un avaria tecnica crea problemi nella stazione di Belleville Francia: violazioni tecniche nell impianto di Cattenom Gran Bretagna: errore umano causa incendio nella stazione nucleare di Hinkley Germania: incidente durante il rifornimento di carburante nella stazione di Wuergassen Bulgaria: incendio alla centrale di Kozloduy Svezia: malfunzionamento dei macchinari della stazione nucleare di Oskarshamn Svezia: infiltrazioni rilevate nella stazione nucleare di Barsebeck Svezia: diffusione di vapore radioattivo per malfunzionamento nell'impianto Barsebeck Belgio: spegnimento del reattore della stazione di Tihange per errore tecnico Finlandia: spegnimento manuale dovuto ad un incendio nella stazione di Olkiluoto 18 Gennaio Guerra del Golfo. Per tutta la durata del conflitto Israele si è mantenuta in stato d'allerta nucleare. Febbraio 1991 Mihama (Giappone). La centrale riversa in mare 20 tonnellate di acqua altamente radioattiva 31 Luglio Bush senior e Gorbachev siglano il primo trattato strategico bilaterale (Salt 1) per la riduzione delle Armi Strategiche (5.000 unità in meno nei prossimi 7 anni per entrambe le parti) Agosto Forbach, Francia: incidente da irradiazione An accident occurred at an electron accelerator irradiator used to treat granulated polytetrafluoroethylene (Teflon). Three workers entered the irradiation room using the exit and were exposed to the dark current: the accelerator was switched off but accelerator voltage was still on, the result of a decision to save time. Exposure rate was between 10 and several hundred rad per second (compared to a maximum 8 megarad/second when the accelerator is on). The three received localized doses, one severe enough to produce skin legions. The skin doses were estimated at 4,000 rem (whole body dose 100 rem in this case) for the worker with the worst injury and 900 and 500 rem for the other two workers. 27 Settembre Difficoltà a caricare un missile a bordo di un sottomarino sovietico, classe Typhoon, trasportante diverse armi nucleari. 26 Ottobre Nesvizh, Belarus: incidente da irradiazione An accident occurred during repairs at an irradiation facility that used a 30 PBq cobalt-60 source for sterilization of medical equipment. Although the specific actions are not fully known, an operator (34-year old male) failed to follow operating procedures and circumvented safety features in entering the irradiation room to deal with a jam of the product transport system. The source was exposed at the time, and the operator walked to within 0.5 m of the source before realizing his error and exiting, spending between 1 and 2 minutes in the irradiation room. He received a whole body dose of 1,250 rem and localized doses of up to 1,800 rem. Within 3 minutes of exiting he experienced nausea and diarrhea after an additional 13 minutes. The operator received extensive medical treatment but died 113 days later. Dicembre M25 in Hertfordshire, Gran Bretagna (informazione tratta dall'oxburg report, 1992, Gran Bretagna). Mechanical failure of a RAF nuclear weapon load carrier. There was no damage to any nuclear weapon. 11 Dicembre Maryland, USA: incidente da irradiazione An accident at an electron accelerator irradiator resulting from safety violations caused severe radiation injury to one person. During maintenance an operator placed his heads, head, and feet in the beam from the electron dark current (while the electron source filament voltage was off but the high-voltage terminal on). Due to a dose of about 5,500-10,800 rem to the hands, four fingers on each hand had to be amputated about 3 months later. The man also suffered thinning of hair on the scalp after two weeks. 1977? Gran Betragna. incidente radiografico An industrial radiographer died of leukemia in 1992 associated to prolonged chronic exposure to sources with which he worked. Acute exposures are unknown, but total estimated whole body dose over a several year period was 1,400 rad. The exact nature of the accidental exposures are not known but apparently occurred over a period of years. The individual worked with torch-type iridium-192 sources from 1974 to 1983 and with remotely operated wind-out iridium-192 source from 1983 and thereafter. From about 1983 for six years the man suffered radiation-induced skin lesions on the hands, requiring amputation of part of two fingers around Svezia: errore umano provoca un corto circuito nella stazione di Barsebaeck Svezia: corto circuito in uno dei generatori a Barsebeck San Antonio, Texas, USA: incidente radioterapico A patient was injured by an overdose of radioactive iodine-131 during the course of radiotherapy Amsterdam, Olanda. Dispersione di DU in seguito ad incidente aereo (volo EL AL Francia: avaria tecnica nello stabilimento di Fessenheim Francia: avaria tecnica nel sistema refrigerante nell impianto di Dampierre Francia: contaminati 2 operai nell impianto di Dampierre Gran Bretagna: avaria tecnica alla stazione di Sizewell Germania: avaria al sistema di raffreddamento nella centarle di Brunsbuttel Lituania: Avaria nel sistema di spegnimento della centrale di Ignalina Lituania: avaria tecnica centrale di Ignalina 1992/prima metà Svizzera. Gli investigatori svizzeri scoprono tredici casi di traffico illegale di materiale raioattivo, sequestrano materiale radioattivo per oltre 50 chilogrammi e individuano 34 persone implicate nelle operazioni clandestine. Gennaio Iran: Egyptian newspaper claimed Iran had bought three Soviet nuclear warheads from Kazakhstan for $150 million; Kazakhstan denied the report. In April Russian intelligence reported Iran had obtained at least two warheads from Kazakhstan; in July a Kazakh official said the three reportedly missing warheads were in test shafts at the Kazakh test site; in September a U.S. congressional task force alleged Iran had obtained 4 Soviet warheads (including 2 operational): two 40 kt SRBM warheads, one 50 kt NGB, and one 0.1 kt AFAP. By 1994 Russia said the warheads were accounted for; Israeli officials suggest the warheads were borrowed for disassembly and reverse engineering 9 Gennaio Germania. Denunciati ottocento casi di ritrovamento di materiali radioattivi clandestinamente introdotti in Germania dalle repubbòiche ex sovietiche. Marzo CIS: Reportedly, box of radioactive material stolen from Pridniestroviye, Transdnestr; thieves threatened to blow up the material if fighting in Moldova was not stopped 24 Marzo 1992 San Pietroburgo (Russia). A seguito della perdita di pressione nell impianto di Sosnovy Bor nei pressi di San Pietroburgo, fuoriescono e si disperdono in atmosfera iodio e gas radioattivi. Aprile USA. Esperimento nucleare sotterraneo. 23 Giugno USA. Ultimo test nucleare sotterraneo. NUMERO TOTALE DI TEST ESEGUITI DAGLI USA: (il 25% circa atmosferici). il 28 giugno, due terremoti di insolita violenza (7,4 e 6,5 Richter) colpiscono il sud della California. 9 Ottobre 1992 Podolsk, Russia. Ritrovato un chilo e mezzo di 235U trafugato da deposito dell ex URSS 25 Ottobre San Pietroburgo, Russia. Sul reattore RBMK di Sosnovy Bor si ferma una saracinesca dell'acqua di uno dei tubi di forza con conseguente distruzione dell'elemento di conbustibile e del tubo i forza. Novembre 1992 Forbach (Francia). Un grave incidente nucleare causa la contaminazione radioattiva di tre operai. I dirigenti dell impianto vengono accusati, l anno successivo, di non aver approntato le misure di sicurezza previste Novembre Cina: Incidente da irradiazione An accident occurred at an irradiation facility, reportedly involving a power loss and out-of-order safety interlocks, possibly similar to an accident in Shanghai in Four workers were overexposed and one suffered acute radiation sickness. 16/21 Novembre Città di Indiana, Pennsylvania, USA: incidente radioterapico An 82-yearold female patient was undergoing brachytherapy, a type of radiotherapy, at the Indiana Regional Cancer Center. A 3.7-curie iridium-192 source was dislodged from equipment and accidentally left in the patient; this went unrecognized since the staff failed to perform required checks to secure sources. The patient was returned to the nursing home and died 93 hours later due to the radiation injury from the embedded source. The catheter containing the source was removed by the nursing home staff and disposed of as medical waste. The waste disposal company discovered the source during routine checks for radioisotopes. The ensuing Nuclear Regulatory Commission investigation concluded that exposures of to 2.57 rem were incurred by 94 individuals, including clinic staff, nursing home staff, nursing home residents and visitors, and waste disposal company employees. 17 Novembre Hanoi, Vietnam: incidente da irradiazione An accident occurred at a researchassociated electron accelerator facility in Hanoi. An individual entered the irradiation room to adjust a sample for irradiation. The operators were unaware that the person had entered the room and turned on the beam at that time. The facility lacked safety interlocks or procedures to prevent such an accident. The individual received doses of 1,000 to 2,500 rad to the left hand and 2,000 to 5,000 rad to the right hand. Within one month one hand had to be amputated as well as the fingers on the other hand. 19 Novembre Jilin, Xinzhou, Cina: fonte industriale compromessa During decommissioning, a 10-curie cobalt-60 source from an industrial irradiation facility was taken to a residence by a construction worker at the site. The source had been stored in water 6 meters deep in a well since The source was taken home on 19 November, exposing the worker's father and brother. The following day the worker became ill and went to the hospital, taking the source with him. He died 15 days after initial exposure, about the time radiation was identified as the cause of his illness. Eight individuals were exposed to sufficient radiation to cause severe injury, three of whom died-- the construction worker and his father and brother--of exposures over 800 rad. Exposures to medical workers ranged up to rads. Localized doses ranged from 25 to 1,000 rem. When radiation injury symptoms initially developed, local medical workers did not recognize the symptoms as radiation-induced. The source of the problem was not fully recognized for 2-3 weeks, and the source was not secured until 76 days after it was taken. A total of 14 people received doses exceeding 25 rad. Novembre Vandellos, Spagna. Il governo spagnolo decide la chiusura definitiva del reattore dopo che una fuoriuscita di effluenti liquidi radioattivi ha contaminato un vicino canale Fine Incominciano a diffondersi gli studi sulla relazione fra eventi simici e calamità da una parte e test nucleari dall'altra. Il professor Gary T. Whiteford, docente di geografia all'università di Brunswick in Canada, scopre che i terremoti con magnitudine da 6 a 6,5 Richter sono più che raddoppiati da quando hanno avuto inizio i test nucleari sotterranei. Infatti, tali sismi furono fra il 1900 ed il 1949; sono saliti a tra il 1950 ed il Un significativo aumento è registrato anche per i sommovimenti tellurici di magnitudine compresa tra 6,5 e 7 Richter: furono nel periodo ; se ne contarono tra il 1950 ed il Tali incrementi si sono verificati in tutte le zone particolarmente sismiche del globo. Ad esempio: la percentuale di tutti i terremoti (superiori o pari a 5,8 Richter) nelle Isole Aleutine era di 3,31 nel tempo precedente gli esperimenti nucleari americani nel Nevada. Tale percentuale salì fino al valore di 12,57 nel periodo dei test. Le isole Salomone e Nuova Bretagna (Oceano Pacifico) erano sismicamente tranquille nella prima metà del secolo scorso: la percentuale dei terremoti era di 2,98. Nell'epoca delle bombe nucleari francesi a Mururoa questo valore è quasi quintuplicato: 10,08. Anche l'isola di Vanuatu ha pagato un pesante tributo alla grandeur nucleare francese. La sua percentuale di terremoti era di 3,36 nell'arco di tempo ; nel periodo seguente contrassegnato dai test, tale cifra è balzata a 9,30. Nell'isola Novaya Zemlya non avvennero mai violenti terremoti nel primo cinquantennio del secolo scorso; da quando vi fu costruita una base per esperimenti nucleari sovietici, si sono avute sei scosse telluriche di grandezza pari o superiore a 5,8 Richter. In una visione globale si può rilevare che, nei primi cinquanta anni di del secolo scorso, sono stati registrati terremoti di magnitudine uguale o superiore a 6 Richter, con una media di 68 all'anno. Dal 1950 al 1989, i terremoti in questione sono stati 4.963, con una media di 127 all'anno: il valore è quasi raddoppiato. Il professor Whiteford ha compiuto inquietanti scoperte a proposito dei cosiddetti terremoti assassini (killer quakes), cioè sismi che provocano almeno vittime. Nel corso di 37 anni di sperimentazione nucleare, venti dei trentadue terremoti assassini, ovvero il 62,5%, avvennero lo stesso giorno o entro quattro giorni dal test . Dati allarmanti provengono anche da uno studio di due scienziati giapponesi, Shigeyoshi Matsumae e Yoshio Kato, della Tokai University di Tokio: Fenomeni anomali meteorologici, terremoti e la variazione dell'asse terrestre sono notevolmente correlati ai test atmosferici e sotterranei. Essi hanno causato un aumento della temperatura dell'esosfera terrestre da 100 a 150 gradi, che cresce in modo abnorme immediatamente dopo un test nucleare. Ad esempio, è stato scoperto che la temperatura assoluta salì da 70 ad 80 gradi dopo un test sovietico che fu rilevato dalla stazione d'osservazione da Uppsala, il 23 agosto Similmente, un continuo e drastico rialzo della temperatura fu osservato in occasione di una fitta serie di sei esplosioni sperimentali avvenute tra il 18 ed il 29 ottobre 1975 . E concludono: La temperatura dell'atmosfera è cambiata dai test nucleari, un cambiamento che neppure il sole potrebbe produrre. Si può facilmente immaginare quali effetti abbia tutto ciò sulle condizioni meteorologiche della terra 1993 Russia. Due testate nucleari vengono semplicemente rubate con un auto da due impiegati nei pressi di Chelyabinsk, un sito di assemblaggio di ordigni atomici. Le testate sono ritrovate nel garage di casa dei ladri Russia: A radioactive substance was planted in the chair of Vladimir Kaplun, director of a Russian packing company; over several weeks Kaplun contracted radiation sickness and died Russia: la mafia russa uccide Vladimir Kaplun, direttore di una grande azienda, collocando sotto la sua sedia una sorgente radioattiva Francia: errore umano causa problemi tecnici nell impianto di Cruas Francia: avaria al sistema di strumentazione e controllo nello stabilimento di Saint Alban Francia: incidente nel sistema di raffreddamento nella stazione di Paluel Gran Bretagna: malfunzionamento della stazione nucleare di Wylfa Bulgaria, centrale di Kozloduy: infiltrazione e rilascio di sostanze radioattive 17 Gennaio Iraq. Gli Stati Uniti lanciano 45 missili da crociera Tomahawk contro il complesso industriale iracheno di Zaafaraniyeh che, secondo i servizi segreti, avebbe fabbricato degli equipaggiamenti di uranio arricchito. 13 Febbraio 1993 Sellafield (Gran Bretagna). Fuga radioattiva nell'impianto di riprocessamento di Sellafield. La densità massima di radionuclidi dello iodio consentita viene superata di oltre tre volte. 17 Febbraio Barsebaeck (Danimarca). Uno dei reattori della centrale di Barsebaeck viene temporaneamente fermato a causa della fuoriuscita accidentale di vapore radioattivo. 20 Marzo Mare di Barents. Un sottomarino nucleare russo classe Delta 3 con missili balistici nucleari entra in collisione con il sottomarino d'attacco nucleare USS Grayling 06 Aprile 1993 Siberia (Russia). Nell impianto di recupero del plutonio di Tomsk 7 della Siberian Chemical Enterprise, un aumento di pressione causa una esplosione e genera una falla di 34 metri cubi nel serbatoio d acciaio inossidabile contenuto nel bunker dell edificio 201, seppellendolo. Il serbatoio conteneva acido nitrico concentrato, uranio (8.757 kg), plutonio (449 gr), diluito con una mistura di rifiuti organici e radioattivi derivanti dal primo ciclo estrattivo. L esplosione causa la completa copertura del bunker e l apertura di un grande squarcio nel soffitto dell edificio, rilasciando nell ambiente approssimativamente 6 GBq di Plutonio239 e 30 TBq di altri radionuclidi. A causa dell indicente, 160 lavoratori dell impianto e circa 200 liquidatori sono esposti ad una dose totale superiore a 50 msv (il limite di sicurezza stabilito per i lavoratori degli impianti nucleari è pari a 100 msv in 5 anni). La nube radioattiva si propaga per 28 Km a nord est dell edificio 201, oltre 20 km al di fuori del perimetro dell impianto. Il piccolo villaggio di Georgievka (pop. 200 persone) si trova proprio al limite della nube radioattiva ma, per pura fatalità, non sono state registrate malattie o problemi sanitari di alcu
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks