Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL PIEMONTE

Description
Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICI, ARTISTICI ED ETNOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE

Please download to get full document.

View again

of 6
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Scrapbooking

Publish on:

Views: 2 | Pages: 6

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICI, ARTISTICI ED ETNOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE Dall Armeria Reale alla Galleria Sabauda: azioni recenti Edith Gabrielli Soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte Molte e significative sono state negli ultimi anni le azioni intraprese dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte in vista della costituzione intorno al Palazzo Reale di Torino di un soggetto museologico integrato, comunemente detto Polo Reale. Due sostanzialmente i campi di attività, l Armeria Reale e la Galleria Sabauda. In Armeria Reale si è puntato in primo luogo sul ripristino del rapporto visivo tra il Museo e la città. Nel 2011, in occasione dell anniversario dei centocinquant anni dell Unità d Italia e con il sostegno della Consulta per la Valorizzazione dei Beni Culturali e Artistici di Torino, si è provveduto dunque a restaurare la Loggia di Carlo Alberto, che da lunghi anni era stata chiusa al pubblico e adibita a deposito 1. Chi si affacci oggi dal balcone dell Armeria può dunque abbracciare nuovamente con lo sguardo l intera piazza Castello, dominata sullo sfondo, verso il fiume Po, dalla Mole Antonelliana. Non basta. La riapertura della Loggia permette allo studioso e al turista avvertito di cogliere in termini immediati e con la forza dell immaginazione anche di ricucire filologicamente la manica che un tempo univa Palazzo Reale a Palazzo Madama, ovvero la celebre Galleria di Carlo Emanuele I, perduta nel Un secondo ordine di interventi, sempre in Armeria, ha puntato a migliorare la fruibilità interna e il rapporto con il retrostante Palazzo Reale. All estremo opposto della Loggia di Carlo Alberto si è dunque lavorato per mantenere aperta in pianta stabile la porta di collegamento con il Palazzo. In apparenza trascurabile, l intervento, realizzato sotto il coordinamento della Direzione Regionale e in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Architettonici, ha permesso per la prima volta di realizzare un circuito museale unitario e dunque l emissione di un solo biglietto per tutte le varie realtà del Polo. 1 La Loggia di Carlo Alberto nell Armeria Reale. Arte, storia e restauri di un monumento torinese ritrovato, catalogo della mostra (Torino, Armeria Reale, 2011), a cura di E. Gabrielli, con la collaborazione di M. Caldera, Torino, L Artistica Savigliano, Si veda da ultimo G. Gritella, La celebrazione della dinastia: la Grande Galleria di Carlo Emanuele I , in Il re e l architetto. Viaggio in una città perduta e ritrovata, a cura di M. Carassi e G. Gritella, Torino, Hapax, 2013, pp , con bibliografia precedente. In Galleria Sabauda gli sforzi della Soprintendenza si sono concentrati sul ben noto progetto di trasferimento dalla vecchia alla nuova sede 3, attuato grazie alla convenzione stipulata tra l allora Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la Compagnia di San Paolo. Giusto aprire qui una parentesi. Come si è riportato in altra sede, il progetto risale agli anni novanta del XX secolo 4, allorché i responsabili della tutela maturarono la convinzione di accantonare i due ultimi piani del Palazzo dell'accademia delle Scienze ove la Galleria era alloggiata dal 1865 in favore di una sede alternativa, capace di esaltare le opere in collezione anche grazie a una migliore qualità della luce e degli spazi. Già nel 1999 tale sede fu individuata nella cosiddetta Manica Nuova di Palazzo Reale, ovvero nella lunga ala che, progettata da Emilio Stramucci sul finire del XIX secolo, era stata per lungo tempo adibita a uffici dalla Regione Piemonte. Dal 2005 il trasferimento della Sabauda è divenuto parte integrante e imprescindibile del Polo Reale. Eccoci dunque al 2010, termine che consente di chiudere la parentesi. Da allora la Soprintendenza ha lavorato sostanzialmente lungo due piani, diversi eppure complementari. Il primo piano ha che vedere con la gestione del periodo di trasferimento. Una prassi consolidata proponeva un modello per così dire passivo. In sostanza: far uscire i quadri dal vecchio contenitore; chiuderli in un deposito, nell attesa che il nuovo contenitore fosse completato; e solo allora tornare a garantirne la pubblica fruizione. Fin da subito si sono avvertiti i limiti e anche i rischi di un modello di questo genere. In alternativa, si è attuato un modello decisamente attivo, persino proattivo, pensato non solo per assicurare al pubblico la possibilità di continuare a vedere le collezioni del Museo o, quanto meno, una parte rilevante ma anche per rilanciarne la conoscenza sul territorio del Piemonte, in Italia e all estero. Un primo, forte segnale è giunto nell aprile del Appena due settimane dalla chiusura della vecchia sede, infatti, è stato inaugurato il piano terreno della nuova con una mostra temporanea di un centinaio di opere dal titolo Torino, Europa. Le grandi opere della Galleria Sabauda nella Manica Nuova di Palazzo Reale 5. Da un lato l esposizione garantiva appunto la continuità di fruizione del Museo; dall altro consentiva di sottoporre a verifica le soluzioni scientifiche, tecniche ed estetiche più idonee per l allestimento definitivo. Nel settembre del 2013 è seguita l apertura al pubblico del deposito temporaneo allestito presso la Cavallerizza di Moncalieri per accogliere il resto delle 3 Per un breve ragguaglio sulla storia della Galleria cfr. da ultimo A.M. Bava, La Galleria Sabauda: note sulla sua storia, dalle origini ad oggi, in La Sabauda in tour per le città: proiezioni, esperimenti e verifiche sul territorio, catalogo della mostra (Torino, Palazzo di Città, Palazzo Reale, Armeria Reale, Palazzo Carignano, Villa della Regina; Alba, Palazzo Comunale; Alessandria, Palatium Vetus; Asti, Palazzo Mazzetti; Biella, Museo del Territorio Biellese; Casale Monferrato, Museo Civico e Gipsoteca Leonardo Bistolfi; Cuneo, Museo Civico; Domodossola, Civico Museo di Palazzo San Francesco; Ivrea, Museo Civico Pier Alessandro Garda; Novara, Galleria d Arte Moderna Paolo e Adele Giannoni; Saluzzo, Museo Civico di Casa Cavassa; Varallo, Pinacoteca; Verbania Pallanza, Villa Giulia; Vercelli, Museo Borgogna, 2014), a cura di E. Gabrielli, Firenze, Nardini, 2014, pp , con bibliografia precedente. 4 La genesi del progetto di trasferimento è ricostruito in La Galleria Sabauda di Torino. Dal Collegio dei Nobili alla Manica Nuova di Palazzo Reale, a cura di P. Astrua, C.E. Spantigati, Torino, Allemandi, Torino, Europa. Le grandi opere della Galleria Sabauda nella Manica Nuova di Palazzo Reale, catalogo della mostra (Torino, Galleria Sabauda, Manica Nuova di Palazzo Reale, 2014), a cura di E. Gabrielli con il coordinamento editoriale di M. Caldera, 2012, in collezioni 6. Terzo capitolo di questo programma è stato un articolato sistema di mostre volte a rinsaldare i rapporti tra il Museo e il territorio. Alcune hanno previsto la presenza nella Galleria di opere provenienti da fuori come nel caso di Per Leonardo Bistolfi ( ). La Sfinge alla Galleria Sabauda 7. L iniziativa che aveva come sfondo ideale e comune denominatore un capolavoro di Bistolfi tuttora nel cimitero di Cuneo, la tomba della famiglia Pansa, comunemente detta appunto La Sfinge ha visto infatti la Manica Nuova accogliere tre pezzi significativi dello scultore piemontese, l uno giunto in prestito dal MART di Rovereto, gli altri da Casale Monferrato. In altri casi è stata invece la Sabauda stessa a muoversi, a proiettare le collezioni verso realtà cittadine, regionali, nazionali e internazionali. Si spiegano in tal modo le mostre in collaborazione con l Accademia Albertina di Torino 8, con il Consorzio della Venaria Reale 9, con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Liguria 10, con la Fondazione Torino-Musei e con il Museo di Arte Antica di Lisbona 11, secondo un modello culminato ne La Sabauda in tour per le città: proiezioni, esperimenti e verifiche sul territorio: si è trattato di diciotto mostre, tutte con protagoniste opere della Galleria Sabauda, che si sono aperte in contemporanea il 29 maggio 2014 in quattordici città del Piemonte 12. Cinque esposizioni si sono svolte a Torino, una a Palazzo di Città, quattro nei musei dello Stato, ovvero Palazzo Reale, Armeria Reale, Palazzo Carignano e Villa della Regina; le restanti in tredici grandi centri del Piemonte, vale a dire Alba, Alessandria, Asti, Biella, Casale Monferrato, Cuneo, Domodossola, Ivrea, Novara, Saluzzo, Varallo, Verbania e Vercelli. Il secondo piano di lavoro è stato quello della messa a punto del progetto museologico in vista dell allestimento definitivo della nuova sede, la Manica Nuova di Palazzo Reale. L attività si è articolata in due fasi. In primo luogo, infatti, c è stata una fase di studio e riflessione metodologica. Si è riesaminato il materiale esistente sulla Galleria. Il punto di partenza è stato ovviamente il materiale archivistico e fotografico conservato nei nostri archivi, ma anche articoli pochi per la verità e 6 Cfr. il contributo di Anna Maria Bava in questo volume. 7 Per Leonardo Bistolfi ( ). La Sfinge alla Galleria Sabauda, catalogo della mostra (Torino, Galleria Sabauda, Manica Nuova di Palazzo Reale, 2014), a cura di E. Gabrielli con A.M. Bava e A. Lanzoni, 2014, in 8 Gaudenzio Ferrari e Bernardino Lanino: cartoni e dipinti a confronto (Torino, Pinacoteca dell Accademia Albertina, 2014), a cura di A.M. Bava, G. Curto, P. Nicita; Dipinti e Disegni della Grande Officina di Gaudenzio Ferrari (Torino, Pinacoteca dell Accademia Albertina, 2014), a cura di A.M. Bava, M. Caldera, G. Curto, P. Nicita. 9 Le raccolte del principe Eugenio condottiero e intellettuale: collezionismo tra Vienna, Parigi e Torino nel primo Settecento, catalogo della mostra (Reggia di Venaria, Sale delle Arti, 2012), a cura di C.E. Spantigati, Cinisello Balsamo, Silvana, 2012; Il Veronese e i Bassano. Grandi artisti veneti per il palazzo ducale di Torino, catalogo della mostra (Reggia di Venaria, Sale delle Arti, ), a cura di A.M. Bava, Savigliano, L Artistica Editrice, Capolavori della Galleria Sabauda nel Palazzo Reale di Genova. Da Bernardo Strozzi ad Angelica Kauffmann (Genova, Palazzo Reale, 2014), a cura di L. Leoncini. 11 Os Saboias. Reis e Mecenas (Turim, ), (Lisbona, Museu Nacional de Arte Antiga, 2014), a cura di E. Gabrielli, E. Pagella. 12 La Sabauda in tour per le città: proiezioni, esperimenti e verifiche sul territorio cit., in particolare E. Gabrielli, Una mostra, diciotto mostre; un territorio e il suo museo; Torino l Europa e verso l Europa: un lungo cammino per rimanere uniti, nel nome di un pubblico servizio, pp soprattutto tesi di laurea. Com è noto, la vicenda di alcuni nuclei collezionistici era stata negli anni ben indagata, come attestano, ad esempio, gli studi sulla raccolta del principe Eugenio: su altri, tuttavia, rimanevano e rimangono ancora ampi margini d indagini, complice la lacunosa situazione documentaria. Anche la storia degli allestimenti storici è apparsa ricostruita a macchia di leopardo: alcune fasi sono state sceverate, grazie alle indagini condotte vuoi da studiosi attivi in Piemonte, alcuni in forza alla Soprintendenza, come Paola Astrua, vuoi da studiosi esterni, come Alessandra Galizzi Kroegel, autrice di un recente intervento sull attività di Guglielmo Pacchioni 13. Altre attendevano ulteriori approfondimenti. Meritava in particolare di essere indagato nello specifico il rapporto la connessione tra il penultimo e l ultimo allestimento, ovvero quello elaborato nel 1952 dal Soprintendente Noemi Gabrielli in collaborazione con l architetto Piero Sampaolesi e quello avviato nel 1985 e portato a termine a più mani nel Sembrava, infatti, indispensabile spazzare il via il campo dai molti equivoci e fraintendimenti, in parte causati dalla scelta per certi versi ardita degli autori dell allestimento degli anni ottanta-novanta di riutilizzare «la pannellatura esistente (design Sanpaolesi) con pochi spostamenti ed elementi aggiuntivi, legittimati, se si vuole, dal principio modulare che presiede alle proporzioni dell ambiente e cioè alla scansione data dai lacunari ovvero dall intreccio ligneo del soffitto[ ]» 14. Laddove tuttavia il lavoro si presentava più arduo era sul fronte delle opere, in particolare sul delicato versante della connoisseurship. Se quelle prodotte in Piemonte apparivano ben indagate, grazie all impegno della prestigiosa scuola locale da Anna Maria Brizio ad Andreina Griseri, fino a Giovanni Romano, solo per fare qualche nome la situazione era meno incoraggiante per gli altri contesti. In alcuni casi il Museo non aveva registrato gli approdi degli studi specialistici: esemplare il caso del Paesaggio con battesimo di Cristo che era rimasto per anni esposto come uno dei migliori autografi di Salvator Rosa, nonostante fin dagli anni sessanta del Novecento Luigi Salerno lo avesse indicato come una debole copia del dipinto del maestro napoletano conservato nell Art Gallery and Museum di Glascow 15. In molti altri casi si trattava invece di totale assenza di ricerche. Su questa base si è deciso di avviare una massiccia campagna di catalogazione scientifica, affidando le schede a un gruppo di specialisti, italiani e stranieri, ciascuno secondo le proprie competenze: sono state così decine e decine le attribuzioni riviste, ricalibrate o decisamente mutate, soprattutto per quanto riguarda la scuola veneta e quelle straniere, fiamminga, olandese e francese. Sempre nella fase di riflessione rientra il convegno Musei Torino Da crisi ad opportunità, 13 A. Galizzi Kroegel, The Mouseion as Means Journal of Transnational Culture. Guglielmo Pacchioni and the Dawn of the Modern Museum in Italy, in The Museum is open. Towards a Transnational History of Museums , a cura di A. Meyer e B. Savoy, Berlino-Boston, De Gruyter, 2014, pp Torino, Archivio della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte, VII. 5/L, 1987, Relazione dattiloscritta con correzioni autografe di Sandra Pinto, Galleria Sabauda, Salone del Settecento e dell Ottocento, data 10 novembre L. Salerno, Salvator Rosa, Milano, Edizione per il Club del Libro, 1963, pp. 111, 155. Sull opera cfr. M. Culatti, Scheda 0A , Torino, Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte, Ufficio Catalogo. svoltosi a Villa della Regina nel maggio L incontro, che si è giovato della presenza di grandi esperti, come tra gli altri Krzysztof Pomian, Marisa Dalai Emiliani, Bruno Toscano, Enrico Castelnuovo, Daniele Jallà e Andrew MacClellan, ha avuto l obiettivo di esaminare l esistente per trovare soluzioni concrete, anche attraverso il confronto con casi di studio simili, ovvero con musei che avevano cambiato o stavano cambiando la propria sede, quali ad esempio il Liechtenstein Museum di Vienna. Concluso il momento di riflessione, il passo successivo è stato l elaborazione vera e propria del nuovo museologico. Una prima versione è stata realizzata tra il 2011 e il 2012 e, come si è detta, sottoposta a verifica, almeno per alcuni aspetti, in occasione dell esposizione temporanea Torino, Europa. Le grandi opere della Galleria Sabauda nella Manica Nuova di Palazzo Reale. Anche alla luce delle risposte registrate in questa circostanza, si è giunti alla versione definitiva, consegnata allo Studio Albini all inizio del 2014 per la redazione del museografico. Il progetto si basa sul confronto aperto e franco tra le opere prodotte in Piemonte e quella realizzate nel resto della penisola italiana e nell intera Europa, ottenuto attraverso un ordinamento cronologico. Si è inteso così superare ogni ghettizzazione della cosiddetta scuola piemontese, mettendo a frutto gli approdi scientifici degli ultimi cento anni cui si è fatto cenno; soprattutto, si è recepito per intero un paradigma interpretativo, proposto tra gli altri da Enrico Castelnuovo, che vede nel Piemonte una parte integrante della cosiddetta cultura delle Alpi e dunque, in termini più generali, una frontiera, aperta a influssi diversi e, talvolta, dissonanti. La cosiddetta collezione Gualino cioè la parte della più ampia raccolta di opere d arte messa insieme dall imprenditore biellese Riccardo Gualino donata alla Galleria fin dal 1930 è stata interpretata come un segno tangibile della cultura del Novecento 17. Su questa base, essa conservata nella sua unità, come da disposizioni dello stesso Gualino è stata inserita in modo piano nel percorso e messa a confronto sebbene non confusa con le opere della Sabauda appartenenti al XIX secolo, in particolare con i dipinti di Luigi Spazzapan e dei Sei di Torino 18, e con la cultura storico-critica del periodo, in primo luogo con la figura di Lionello Venturi 19. La selezione delle opere esposte è passata attraverso un calibrato esame dei depositi. Non si è trattato di mettere i depositi in mostra, secondo una vulgata di moda. Semplicemente, la sistematica attività di catalogazione scientifica cui si è già fatto cenno ha permesso di riportare all attenzione e porre 16 Musei Torino Da crisi ad opportunità, atti del convegno internazionale di studi (Torino, Villa della Regina, 5-6 maggio 2011), a cura di E. Gabrielli, Firenze, Leo S. Olshki, in corso di stampa. 17 Sulla collezione Gualino cfr. Dagli ori antichi agli anni Venti: le collezioni di Riccardo Gualino, catalogo della mostra (Torino, Museo Civico di Arte Antica e Palazzo Madama, 1982), a cura di G. Castagnoli, Milano, Electa, 1982, con bibliografia precedente. 18 Sulle opere del Novecento della Sabauda cfr. Galleria Sabauda. Opere del Novecento, a cura di P. Vivarelli, Torino, s.e., Rimane imprescindibile sul tema: M.M. Lamberti, Lionello Venturi e Riccardo Gualino: frammenti , in Ad Alessandro Conti, a cura di F. Caglioti et alii, Pisa, Scuola Normale Superiore, 1996, pp in nuova luce opere in precedenza lasciate in sordina. Basti ad esempio il caso del trittico con la Crocifissione attribuito al Maestro delle Mezze Figure Femminili: in occasione della catalogazione scientifica Erlend de Groot ha sottolineato l interesse di questo pezzo, riaprendo il dibattitto sul contesto crono-topografico di riferimento, anche attraverso la lettura dei risultati delle indagini scientifiche condotte in occasione del restauro. Tutto il museo è concepito mettendo al centro il pubblico, in linea con i principi, ormai consolidati, della New Museology 20. Ogni cosa è studiata per far in modo che il visitatore si trovi a proprio agio. Per questo la qualità estetica del contenitore è molto curata: gli ambienti risultano ampi, anche grazie ad una sistematica riduzione dei diaframmi murari, i colori e la luminosità riposanti. Il percorso è chiaro, lineare, per certi self-explanatory, costruito fin dove possibile attraverso le opere nella convinzione che le opere, quando correttamente montate in sequenza, possano e debbano parlare da sole e ritmato da zone di pausa e di riflessione. Ad ogni opera è riservato ampio spazio, in modo da evitare sovrapposizioni e una fastidiosa impressione di sovraffollamento; tutte, anche quelle di grandi dimensioni, sono volutamente montate all altezza dell occhio, così da permettere una visione ravvicinata. L apparato didattico, sempre bilingue, è ampio e articolato: vi sono le didascalie connesse alle singole opere di una lunghezza e una struttura tali da fornire le principali coordinate culturali senza indurre però il tedio e quindi l abbandono della lettura, i pannelli che ospitano una griglia di lettura storico-critica, nonché le risorse digitali, a cominciare dal catalogo on-line, consultabile in apposite postazioni. Il visitatore, dunque, pur non rischiando mai di smarrirsi, è lasciato libero di muoversi, di costruirsi l esperienza nella Galleria secondo i propri tempi, i propri modi, il proprio livello di interesse: egli cioè può accostarsi alla singola opera, oppure costruire relazioni tra più opere o gruppi di opere, fermar
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks