La sofferenza ha un senso?

Description
Discepole del Vangelo Il Vangelo concretamente, 30 novembre 2016 La sofferenza ha un senso? Canto: Davanti a questo amore Hai disteso le tue braccia anche per me Gesù, dal tuo cuore, come fonte, hai versato

Please download to get full document.

View again

of 8
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Film

Publish on:

Views: 2 | Pages: 8

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Discepole del Vangelo Il Vangelo concretamente, 30 novembre 2016 La sofferenza ha un senso? Canto: Davanti a questo amore Hai disteso le tue braccia anche per me Gesù, dal tuo cuore, come fonte, hai versato pace in me, cerco ancora il mio peccato ma non c'è. Tu da sempre vinci il mondo dal tuo trono di dolore. Dio, mia grazia, mia speranza, ricco e grande Redentore. Tu, Re umile e potente, risorto per amore, risorgi per la vita. Vero agnello senza macchia, mite e forte Salvatore sei. Tu, Re povero e glorioso risorgi con potenza, davanti a questo amore la morte fuggirà. Nel nome del Padre... 1 L esperienza di Chiara Ricomponi in poesia sanguigna (Camposampiero, 17 ottobre 2012, dht) La via del cuore quando ammutolisci è la poesia. Dammi sollievo, poesia, che io trovi parole di verità così che ritorni a parlare di un paesaggio incompleto, anche senza sole anche senza luna, ma che sia profumato che lo possa toccare sentire vedere e dove ci sia vita per parlarle in versi di poesia-sanguigna, per ciò che sono, che sono diventata: donna con strascico di vetri rotti. Dai rovi alla luce (Camposampiero, 30 aprile 2014, dht) Mi hai risposto: il punto di svolta del viaggio. Se devo parlare di nostalgia ora non c è quella struggente aggrappata alla confusione di mille caleidoscopici abissi. Nostalgia non è queste mani che scendevano graffiando con le unghie rosicchiate gli idoli del passato: un viaggio-privo di senso-apparente. Ora se c è vera nostalgia è perché mi hai risposto con sguardo d amore. Mi sono lasciata amare e vedo e posso toccare con le mie lacrime i raggi della Tua Luce giunti a me per grazia, intravisti anche quando nel cammino dei roveti vagavo ricurva e cantavo urlando. Lascia che baci i Tuoi piedi che sempre mi camminavano accanto: 2 per proteggermi e per salvarmi mi hai risparmiato mille corone di spine e anche la morte... Eccomi: per poterti incontrare oggi e per sempre! LA MIA SOFFERENZA: (SOF-FERENZA, SOP-PORTARE UN DOLORE) Quale o quali dolori sto portando, sto sostenendo e accompagnano la mia vita? Dal Vangelo di Matteo Mt 26, Ora, mentre mangiavano, Gesù prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e, mentre lo dava ai discepoli, disse: «Prendete, mangiate: questo è il mio corpo». 27 Poi prese il calice, rese grazie e lo diede loro, dicendo: «Bevetene tutti, 28 perché questo è il mio sangue dell'alleanza, che è versato per molti per il perdono dei peccati. 29 Io vi dico che d'ora in poi non berrò di questo frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo con voi, nel regno del Padre mio». 30 Dopo aver cantato l'inno, uscirono verso il monte degli Ulivi. 31 Allora Gesù 3 disse loro: «Questa notte per tutti voi sarò motivo di scandalo. Sta scritto infatti: Percuoterò il pastore e saranno disperse le pecore del gregge. 32 Ma, dopo che sarò risorto, vi precederò in Galilea». 33 Pietro gli disse: «Se tutti si scandalizzeranno di te, io non mi scandalizzerò mai». 34 Gli disse Gesù: «In verità io ti dico: questa notte, prima che il gallo canti, tu mi rinnegherai tre volte». 35 Pietro gli rispose: «Anche se dovessi morire con te, io non ti rinnegherò». Lo stesso dissero tutti i discepoli. 36 Allora Gesù andò con loro in un podere, chiamato Getsèmani, e disse ai discepoli: «Sedetevi qui, mentre io vado là a pregare». 37 E, presi con sé Pietro e i due figli di Zebedeo, cominciò a provare tristezza e angoscia. 38 E disse loro: «La mia anima è triste fino alla morte; restate qui e vegliate con me». 39 Andò un poco più avanti, cadde faccia a terra e pregava, dicendo: «Padre mio, se è possibile, passi via da me questo calice! Però non come voglio io, ma come vuoi tu!». 40 Poi venne dai discepoli e li trovò addormentati. E disse a Pietro: «Così, non siete stati capaci di vegliare con me una sola ora? 41 Vegliate e pregate, per non entrare in tentazione. Lo spirito è pronto, ma la carne è debole». 42 Si allontanò una seconda volta e pregò dicendo: «Padre mio, se questo calice non può passare via senza che io lo beva, si compia la tua volontà». 43 Poi venne e li trovò di nuovo addormentati, perché i loro occhi si erano fatti pesanti. 44 Li lasciò, si allontanò di nuovo e pregò per la terza volta, ripetendo le stesse parole. 45 Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: «Dormite pure e riposatevi! Ecco, l'ora è vicina e il Figlio dell'uomo viene consegnato in mano ai peccatori. 46 Alzatevi, andiamo! Ecco, colui che mi tradisce è vicino». Breve tempo di silenzio per rileggere il Vangelo Condivido una parola o una frase... perché la sento vicina... mi colpisce, perché non la capisco... mi incoraggia... fa nascere in me domande mi dà speranza 4 DUE PREMESSE: 1. Dal libro della Sapienza: perché Dio non ha creato la morte e non gode per la rovina dei viventi. 14 Egli infatti ha creato tutte le cose perché esistano; le creature del mondo sono portatrici di salvezza, in esse non c'è veleno di morte, né il regno dei morti è sulla terra. 15 La giustizia infatti è immortale. 23 Sì, Dio ha creato l'uomo per l'incorruttibilità, lo ha fatto immagine della propria natura. 24 Ma per l'invidia del diavolo la morte è entrata nel mondo e ne fanno esperienza coloro che le appartengono. Dio non vuole il dolore dell uomo. Ci ha destinati ad una vita senza fine, nella pace. Con il brivido dell arbitrio. E con il peccato è entrata nel mondo la morte come punizione o come ancora, limite, al mondo dell arbitrio? La sofferenza è una conseguenza del male, una punizione, o un avvertimento? Come mai soffro? 2. Gesù di fronte alla sofferenza: Guarisce, per dire: Dio vi è vicino. Non guarisce tutti, come finalità propria, ma alcuni, come gesto simbolico, rimanda ad una guarigione che va oltre: la vicinanza del Regno di Dio. 5 IL VANGELO di questa sera, ossia la storia della sofferenza di Gesù: Gesù ha sofferto: per il peccato, senso? Ha senso che Gesù soffra? Sia rifiutato? La sofferenza di Gesù ha un Questo è successo, un innocente che soffre. È una ingiustizia: se possiamo, dobbiamo correggerla; se non possiamo, dobbiamo accettarla e darle noi un senso, perché dentro alla sofferenza si compia la volontà del Padre. Quale senso ha dato? Il mio corpo, il mio sangue, per i vostri peccati, per l alleanza. Come ha potuto affrontarla? Gli annunci di Gesù: Gesù ha compreso il rifiuto della gente, e ha pensato alla sua fine. L ha annunciata. Si è circondato di amici, di persone. Chiede loro di stare vicino, senza illudersi, senza dipendere da loro. Prega, è sempre collegato al Padre. La sofferenza: il male e la cura. Il segno del limite, imposto da Dio alla possibilità di peccare. Paolo ha sofferto nella carne, un inviato di satana, per non montare in superbia. Silenzio e riflessione personale La sofferenza ha un senso? Dio non vuole la sofferenza. Gesù ha vissuto e annuncia una guarigione che va oltre l assenza di sofferenza fisica. Secondo te, da dove vengono le tue sofferenze? Che senso stai dando alla tua sofferenza? Cosa ti può aiutare nell affrontarla? 6 A partire dal Vangelo ascoltato ciascuno può condividere ciò che lo stupisce di Gesù e del suo modo di vivere e affrontare la sofferenza. Antifona Nada te turbe, nada te espante, quien a Dios tiene, nada le falta. Nada te turbe, nada te espante: solo Dios basta. Un piccolo passo concreto Affinché il Vangelo possa davvero trasformare la nostra vita... durante la settimana scelgo un tempo nel quale mi fermo per pregare per una persona o una situazione di sofferenza; oppure vado a trovare o mi faccio vicino a qualcuno che sta attraversando un momento difficile; oppure scelgo di aprirmi agli altri con un gesto di bontà quando la sofferenza mi chiude in me stesso. Padre nostro 7 Dagli scritti di Charles de Foucauld Lettera di Charles de Foucauld a Marie de Bondy Quando si può soffrire e amare, si può molto, è il meglio di quanto si possa in questo mondo: si sente di soffrire, ma non sempre si sente di amare ed è una grande sofferenza in più! Ma si sa che si vorrebbe amare, e voler amare significa amare. Si pensa di non amare abbastanza: questo è vero. Non si amerà mai abbastanza, ma il buon Dio, che sa con quale fango ci ha plasmati, e che ci ama molto più di quanto una madre possa amare il proprio figlio, Lui che non mente, ci ha detto che non avrebbe respinto chi sarebbe andato a Lui 1. 1 Lettera a Marie de Bondy, 1 dicembre 1916, in C. de Foucauld, Lettres à Mme de Bondy. De la Trappe à Tamanrasset, Desclée de Brouwer, Paris 1966, Lettera di Charles de Foucauld a Marie de Bondy La vita in ogni epoca è combattimento, prova e valle di lacrime: ugualmente in ogni epoca Dio dà la grazia nella misura delle difficoltà; e non c è giorno in cui la valle di lacrime non si trasformi in cielo per la presenza del Beneamato nella Santa Eucaristia, per l unione alla volontà del Beneamato, per la gioia della Sua felicità infinita e immutabile 2. Canto: Beati voi Beati voi, beati voi, Beati voi, beati voi. Se sarete poveri nel cuore, beati voi: sarà vostro il Regno di Dio Padre. Se sarete voi che piangerete, beati voi, perché un giorno vi consolerò. Beati voi, beati voi, Beati voi, beati voi. 8 Se lavorerete per la pace, beati voi: chiameranno voi figli di Dio . Se per causa mia voi soffrirete, beati voi, sarà grande in voi la santità Beati voi, beati voi, Beati voi, beati voi. don Nicolò 2 Lettera a Marie de Bondy, 28 maggio 1907, in Archives de la Postulation, Copie de Ghardaïa, Division C, 1ère Section, Classeur 8, Dossier 15.
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks