La corretta somministrazione

Description
RAEGNA DEI ITEMI DI ABBEVERAGGIO PER BOVINI DA LATTE CURATA DAL CRPA Impianti per distribuire l acqua nella stalla Tra i vari sistemi di distribuzione dell acqua di bevanda l allevatore deve scegliere

Please download to get full document.

View again

of 5
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Government & Nonprofit

Publish on:

Views: 2 | Pages: 5

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
RAEGNA DEI ITEMI DI ABBEVERAGGIO PER BOVINI DA LATTE CURATA DAL CRPA Impianti per distribuire l acqua nella stalla Tra i vari sistemi di distribuzione dell acqua di bevanda l allevatore deve scegliere quello che meglio si inserisce nella struttura della propria stalla. Gli elementi da considerare sono: il tipo, il numero, il posizionamento e le modalità di installazione 1 2 di Paolo Rossi, Alessandro Gastaldo La corretta somministrazione dell acqua ai bovini da latte è fondamentale per garantirne il benessere e favorirne le migliori performance produttive e riproduttive. Il sistema di somministrazione dell acqua di bevanda deve rispondere ai seguenti requisiti di base: erogare acqua fresca e pulita in quantità proporzionale alle esigenze degli animali allevati; limitare gli sprechi idrici; funzionare in maniera affidabile ed essere di facile manutenzione. In genere gli elevati fabbisogni idrici dei bovini da latte vengono soddisfatti impiegando abbeveratoi automatici. Questi, di norma, consentono l erogazione di acqua nel momento stesso in cui l animale la richiede, garantendone freschezza e igienicità. variati errori commessi in sede progettuale, però, possono compromettere l efficienza dell impianto di abbeverata. L obiettivo di fornire agli animali acqua potabile in quantità sufficiente e con sprechi minimi, infatti, può essere raggiunto soltanto se si prendono scrupolosamente in considerazione i seguenti aspetti: tipologie di abbeveratoi; numero e modalità di installazione degli abbeveratoi; 3 Foto 1 - Abbeveratoi singoli a richiesta. Foto 2 - Abbeveratoio singolo a livello costante di plastica. Foto Buvette Foto 3 - Abbeveratoio collettivo a livello costante. Foto 4 - Gli abbeveratoi collettivi permettono l abbeverata a due o più animali. Foto Buvette posizionamento. Tipologie di abbeveratoi 4 Gli abbeveratoi per bovini sono classificabili in 3 categorie: singoli a richiesta; singoli a livello costante; collettivi a livello costante. Abbeveratoi singoli a richiesta. Detti anche a tazza (foto 1), sono costituiti da un contenitore, di forma e dimensioni variabili in base alla mole dei bovini, e da una valvola la cui apertura è ottenuta dalla spinta del muso dell animale su un apposito dispositivo a bacchetta o a paletta; i materiali più comunemente usati sono l acciaio inox, la plastica e la ghisa smaltata. Abbeveratoi singoli a livello costante. ono costituiti da un contenitore nel quale l acqua è sempre presente ed è mantenuta a un livello costante grazie all impiego di una valvola a galleggiante; i materiali più comunemente usati sono l acciaio inox e la plastica (foto 2). Il sistema con galleggiante è meno igienico del precedente perché l acqua è soggetta a ricevere residui di cibo, lettiera e polvere. Abbeveratoi collettivi a livello costante. Detti anche a vasca (foto 3), permettono l abbeverata contemporanea a due o più animali (foto 4). Le vasche hanno forma allungata e dimensioni variabili a seconda dei modelli; i materiali più comunemente usati sono l acciaio inox e la plastica. Nelle vasche l acqua è sempre presente ed è mantenuta a un livello costante grazie all impiego di valvole a galleggiante protette da apposito carter. 29/2006 supplemento a L Informatore Agrario 29 PECIALE TABELLA 1 - Capi serviti a seconda della tipologia di abbeveratoio Abbeveratoio Capi serviti (n.) ingolo Collettivo (con fronte di 1 m) 8 vacche in lattazione con contemporanea 16 vacche in lattazione con continua 10 vacche asciutte 12 vitelli 12 bovini di altro tipo 10 vacche in lattazione con contemporanea 20 vacche in lattazione con continua 15 vacche asciutte 20 vitelli Un abbeveratoio collettivo di 1 m serve vacche in lattazione a seconda dell. Nelle stalle aperte o dotate di aree di esercizio esterne, dove il congelamento dell acqua è un fatto probabile, risulta indispensabile l impiego di modelli di abbeveratoio singoli o collettivi a livello costante dotati di dispositivo antigelo. In questo caso si possono distinguere: abbeveratoi senza elettricità, costituiti da doppia parete di polietilene ad alta densità o di acciaio inox con interposto strato isolante (generalmente poliuretano) e da coperchio di polietilene, completo di 1 o 2 dispositivi di chiusura a palla (foto 5); abbeveratoi con elettricità, dotati di resistenza elettrica e termostato (foto 6). La tipologia di abbeveratoio deve essere scelta in base alla categoria di bovini allevati e al sistema di stabulazione adottato: per le vacche da latte nelle stalle a stabulazione fissa (foto 7) vengono generalmente installati abbeveratoi singoli a richiesta, mentre nelle stalle libere vengono spesso preferiti gli abbeveratoi collettivi, sia perché la capacità e la portata idrica consentono una più veloce abbeverata, sia perché più animali possono bere contemporaneamente; nel caso di vitelli e bovini da rimonta, per quelli di minore mole di norma vengono preferiti gli abbeveratoi singoli a richiesta, in quanto si prestano meglio per piccoli gruppi di animali. Per le manze, che hanno consumi idrici più elevati, è consigliabile l adozione di abbeveratoi singoli o collettivi a livello costante, che consentono una migliore e più veloce abbeverata. Numero di abbeveratoi e modalità di installazione 16 bovini di altro tipo Nelle stalle libere per vacche Nelle stalle a stabulazione fissa viene utilizzato un abbeveratoio ogni due capi, mentre nelle stalle libere gli abbeveratoi devono essere previsti in numero adeguato alla capienza della stalla o del singolo box e al tipo di adottato. In tabella 1 vengono riportati i valori di riferimento, ossia il numero consigliato di capi per abbeveratoio, nel caso di erogatori singoli e per 1 m di fronte nel caso di abbeveratoi collettivi. Per gli abbeveratoi singoli (a richiesta, a livello costante, a palla) il numero di vacche in lattazione per unità di abbeveratoio varia da 8 a 16, rispettivamente con contemporanea e con continua. Per gli abbeveratoi collettivi, invece, si ritengono necessari dai 50 ai 100 mm di fronte per vacca, in dipendenza dal tipo di, prevedendo vasche con un fronte com- Foto 5 - Abbeveratoio antigelo senza elettricità. Foto 6 - Abbeveratoio antigelo dotato di resistenza elettrica. Foto 7 - Abbeveratoio a tazza installato in stalla fissa 5 6 TABELLA 2 - Altezza di installazione ( 1 ) Tipo di abbeveratoio Categoria bovina singolo collettivo Vitella di 100 kg 0,50 0,50 Vitella di 200 kg 0,60 0,60 Manzetta di 300 kg 0,65 0,65 Manza di 480 kg 0,75 0,75 Manza di 540 kg 0,75 0,80 Vacca adulta 0,65 ± 0,75 ( 2 ) 0,85 ( 1 ) Valori in metri calcolati dal bordo superiore dell abbeveratoio al piano di calpestamento. ( 2 ) Il primo valore è riferito alla stalla fissa, il secondo alla stalla libera. da latte l altezza di installazione deve essere di 0,75 m per gli abbeveratoi singoli e di 0,85 m per quelli collettivi. plessivo di 1-2 m e con una capacità di L. e l abbeveratoio è raggiungibile da entrambi i lati, come nel caso di installazione su un divisorio fra due gruppi di bovini, il fronte utile si raddoppia. Un metodo alternativo di calcolo del numero di abbeveratoi collettivi da installare è quello che fa riferimento alla superficie unitaria d acqua: vengono proposti valori variabili da 0,02 a 0,06 m 2 /vacca. Infine, se gli animali sono suddivisi in gruppi, è bene prevedere almeno 2 abbeveratoi per ogni gruppo posti a una certa distanza fra loro; in questo modo non solo si limita il rischio che i bovini rimangano senz acqua in seguito alla rottura dell abbeveratoio, ma si consente agli animali dominati del gruppo di accedere più facilmente a un punto di abbeverata. Per consentire una corretta assunzione di acqua da parte degli animali il bordo superiore dell abbeveratoio deve essere installato a un altezza dal piano di calpestamento che tenga conto Dimensionamento dell impianto idrico 7 L adeguata somministrazione di acqua alle bovine richiede anche il corretto dimensionamento della rete di distribuzione, in modo da assicurare una portata all erogatore di almeno 10 L/min per abbeveratoi singoli e di almeno 15 L/min per quelli collettivi, nell ipotesi di funzionamento contemporaneo di tutti gli abbeveratoi della stalla (condizione tipica della stagione estiva). a) Con lettiera su tutta la superficie del box b) Con lettiera soltanto nella zona di di FIGURA 1 - Posizionamento nelle stalle a lettiera permanente Nel caso di box con lettiera nella zona vanno installate protezioni antispruzzo per non bagnare la lettiera. onde evitare che le perdite idriche degli abbeveratoi possano bagnare i foraggi e le lettiere, a meno che non si prevedano appositi dispositivi di protezione. Di fatto, il posizionamento varia in base alla tipologia di stalla, come di seguito illustrato. Nelle stalle moderne a stabulazione fisa) Con lettiera su tutta la superficie del box b) Con zona di a pavimentazione piana di di FIGURA 2 - Posizionamento nelle stalle a lettiera inclinata Una soluzione adottata di frequente è quella di porre gli abbeveratoi nella parte più bassa della zona a lettiera con fronte accessibile solo dalla zona di. della loro mole, del tipo di abbeveratoio e della tipologia di stabulazione. In tabella 2 vengono riportate le altezze d installazione consigliate per le diverse categorie di bovini da latte. Nelle stalle libere per vacche da latte l altezza di installazione deve essere pari a 0,75 m nel caso di abbeveratoi singoli (a richiesta, a livello costante e a palla) e a 0,85 m nel caso di abbeveratoi collettivi. Posizionamento Il posizionamento influenza l efficienza del sistema di abbeverata, l igiene e la funzionalità dell intero allevamento. Le regole generali da considerare per una corretta collocazione degli abbeveratoi sono le seguenti: evitare gli angoli dell edificio o le estremità di un corridoio, perché gli abbeveratoi sarebbero difficilmente utilizzabili dai soggetti del gruppo gerarchicamente subordinati; nel caso di abbeveratoi posizionati in corrispondenza di corsie o passaggi, prevedere una larghezza di almeno 3-3,5 m, in modo da consentire alle bovine di bere in tutte le posizioni, lasciando spazio a quelle che sono solo di passaggio; non creare ostacoli agli spostamenti degli animali e di eventuali mezzi meccanici; tralasciare, se possibile, le zone limitrofe alla mangiatoia e alle aree, Temperatura dell acqua di bevanda Influenza l entità dei fabbisogni idrici e le produzioni. Per gli animali adulti a intenso metabolismo, quali le vacche da latte a elevata produzione, è consigliabile la somministrazione di acqua fresca (10-15 C) durante i periodi estivi (migliore termoregolazione, minore stress, maggiori produzioni), mentre per gli animali più giovani, quali i vitelli, è consigliabile una temperatura dell acqua di C. Foto 8 - talla a lettiera inclinata con zona di a pavimento piano: posizionamento in corrispondenza dei cancelli trasversali di separazione 29/2006 supplemento a L Informatore Agrario 31 PECIALE a) Groppa a groppa b) Testa a testa di di FIGURA 3 - Posizionamento nelle stalle a cuccette Nelle stalle «testa a testa» si può scegliere fra l installazione in corsia di smistamento, contro la parete laterale, e l installazione sulle corsie di passaggio intercalate alle cuccette. sa gli abbeveratoi, generalmente a tazza, vengono posizionati, uno ogni due poste, preferibilmente sulla mangiatoia (foto 7); in alternativa è possibile posizionarli all interno, fra le poste. Nelle stalle a stabulazione libera gli abbeveratoi possono essere posizionati: sul muretto che separa la zona da quella di ; sulla parete di testata della stalla; su cancelli o transenne trasversali di separazione; sulla parete laterale; sul muretto della rastrelliera; La disponibilità costante di acqua è fondamentale anche per le zone di pascolo. Gli abbeveratoi utilizzabili possono essere: fissi a vasca (a tracimazione o a livello costante con galleggiante) o a pompa (azionata dall animale); in sala d attesa; sul muretto dei passaggi intercalati alle cuccette; fra due battifianchi; nel paddock (sulla parete esterna della stalla o su cancelli e transenne trasversali di separazione). talle libere a lettiera talle a lettiera permanente. i adotta, in genere, un posizionamento in corrispondenza dei cancelli o delle transenne trasversali di separazione, nel caso di Abbeveratoi per il pascolo di abbeverata al pascolo con abbeveratoio a vasca di polietilene e superficie di calpestamento realizzata con rete di materiale plastico e sabbia. Foto Buvette mobili, utilizzabili soprattutto quando si pratica il pascolo razionato, costituiti da botti a cui si applica una vaschetta a livello costante o da tazze di abbeveraggio simili a quelle normalmente usate in stalla. Gli abbeveratoi a vasca sono i più diffusi e hanno una capacità che varia da 300 a L; generalmente si consiglia una capacità di almeno L. I materiali più comunemente usati sono acciaio e plastica (polietilene ad alta densità). Gli abbeveratoi di plastica sono più facili da pulire, più leggeri e meno costosi. Quando gli abbeveratoi sono fissi occorre evitare l impaludamento delle aree circostanti, drenando opportunamente il terreno e proteggendone la superficie con reti di materiale plastico e sabbia (foto), oppure realizzando delle vere e proprie aree pavimentate. Nel caso in cui la riserva d acqua sia rappresentata da laghetti collinari (o da pozze di torrenti) il rifornimento può avvenire per mezzo di un sifone, il cui pescante è mantenuto in superficie da un galleggiante. box con lettiera integrale (figura 1a), oppure in corrispondenza del muretto che separa la zona da quella di, nel caso di box con lettiera soltanto in zona (figura 1b). In quest ultimo caso è consigliabile l installazione di protezioni antispruzzo verso la zona, per evitare l inumidimento della zona a lettiera vicina agli abbeveratoi. talle a lettiera inclinata. i deve evitare sia il gocciolamento nella parte alta della zona, sia l eccessivo intralcio alla discesa della lettiera. Una possibile soluzione è l installazione degli abbeveratoi nella parte bassa della zona, preferibilmente contro i muri di testata della stalla e in corrispondenza dei cancelli trasversali di separazione (figura 2a); interessanti sono gli abbeveratoi direttamente agganciati ai cancelli divisori e privi, quindi, di colonna di sostegno (foto 8). Una soluzione spesso adottata nelle stalle a lettiera in pendenza è quella di porre gli abbeveratoi nella parte più bassa della zona a lettiera, con fronte accessibile solo dalla zona di (figura 2b); in questo caso, al fine di limitare l intralcio alla discesa della lettiera, è bene che i pilastri di sostegno degli abbeveratoi siano di ridotte dimensioni. talle libere a cuccette Nelle stalle a cuccette disposte su due file «groppa a groppa» gli abbeveratoi TABELLA 3 - Larghezza minima delle corsie di passaggio fra le cuccette in funzione enza abbeveratoi Con abbeveratoi su un lato Con abbeveratoi su due lati 0,9 m 3 m 5 m 32 supplemento a L Informatore Agrario 29/2006 9 10 Foto 9 - talla a cuccette «groppa a groppa»: posizionamento dell abbeveratoio in corrispondenza del muretto di separazione fra zona e zona di. Foto 10 - talla a cuccette «testa a testa»: posizionamento in corrispondenza del muretto della corsia di passaggio fra le cuccette Nelle stalle a cuccette disposte su due file «testa a testa» o su tre file si hanno maggiori difficoltà per il posizionamento. i può scegliere fra l installazione in corsia di smistamento, contro la parete laterale (cuccette su due file), e l installazione sulle corsie di passaggio intercalate alle cuccette (figura 3b e foto 10); per limitare l inevitabile intralcio al transito degli animali occorre realizzare corsie di passaggio di adeguate dimensioni (tabella 3). Un ulteriore possibilità è quella di installare abbeveratoi a vasca fra due battifianchi contigui, distanziati fra loro di circa 0,4 m, anche se questa soluzione può provocare problemi legati al maggior disturbo arrecato agli animali in riposo e alla possibile caduta di acqua sulle cuccette limitrofe. Nelle stalle a cuccette a file singole l installazione non pone alcun problema in quanto si sfrutta l eccesso di fronte alla mangiatoia non utilizzato per l ; richiede però dispositivi antispruzzo a protezione della mangiatoia. talle con paddock sono posti, di norma, in corrispondenza del muretto di separazione fra zona di riposo e zona di, avendo cura che le sporgenze siano rivolte verso le cuccette, in modo da evitare traumi alle vacche in transito nella zona di (figura 3a). Anche in questo caso è consigliabile l installazione di protezioni antispruzzo verso la zona, per evitare l inumidimento delle cuccette vicine agli abbeveratoi (foto 9). In tutte le tipologie di stalle, sia accorpate, sia a corpi separati, dotate di paddock pavimentato utilizzato durante tutto l anno, una possibile alternativa per la collocazione è il paddock stesso, posizionando gli erogatori in corrispondenza della parete esterna della stalla o sui cancelli o transenne trasversali di separazione. Paolo Rossi, Alessandro Gastaldo Crpa, Reggio Emilia 29/2006 supplemento a L Informatore Agrario 33
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks