Il Dono Della Vocazione Presbiterale

Description
Il Dono Della Vocazione Presbiterale

Please download to get full document.

View again

of 92
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Documents

Publish on:

Views: 2 | Pages: 92

Extension: PDF | Download: 0

Share
Tags
Transcript
  C ONGREGAZIONE PER IL C LERO Il Donodella vocazione presbiterale  Ratio Fundamentalis Institutionis Sacerdotalis L’O SSERVATORE R OMANO C ITTÀ DEL V ATICANO 8  DICEMBRE 2016  2 Introduzione 1.Necessità di una nuova Ratio Fundamentalis Institutionis Sacerdotalis Il DONO DELLA VOCAZIONE alpresbiterato, posto da Dio nel cuore di alcuni uomini,impegna la Chiesa a proporre loro un serio cammino di formazione; come haricordato Papa Francesco in occasione del suo discorso alla Plenaria dellaCongregazione per il Clero (3 ottobre 2014), « si tratta di custodire e far crescere le vocazioni, perché portino frutti maturi. Esse sono un “diamante grezzo”, da lavorare con cura, rispetto della coscienza delle persone e pazienza, perché brillinoin mezzo al popolo di Dio » 1 . Sono trascorsi ormai trent’anni da quando–   il 19 marzo 1985  –   la Congregazione  per l’Educazione Cattolica, allora competente in materia, ha provveduto ad emendare la  Ratio Fundamentalis Institutionis Sacerdotalis ,promulgata il 6 gennaio1970 2 , integrando soprattutto l’apparato delle note, alla luce della promulgazione del Codice di Diritto Canonico (25 gennaio 1983).Da allora numerosi sono stati i contributi al tema della formazione dei futuripresbiteri, sia da parte della Chiesa Universaleche da parte delle ConferenzeEpiscopali e di singole Chiese particolari.Innanzitutto, occorrericordare il Magistero dei Pontefici che in questo periodo ditempo hanno guidato la Chiesa: S. Giovanni Paolo II, al quale si deve lafondamentale Esortazione apostolica post-sinodale Pastores dabo vobis  (25 marzo1992), Benedetto XVI , autore della Lettera apostolica in forma di “motu proprio”  Ministrorum institutio  (16 gennaio 2013) e Francesco , dall’impulso e dalle indicazioni del quale è nato il presente documento.In modo particolare, nella Pastores dabo vobis viene presentata in maniera esplicitauna visione integrale della formazione dei futuri chierici, che tenga contougualmentediquattro dimensioni che interessano la persona del seminarista: umana,intellettuale, spirituale e pastorale.  Ministrorum institutio ha inteso evidenziare comela formazione dei seminaristi prosegue naturalmente nella formazione permanentedei sacerdoti e costituisce con essa una realtà unitaria; pertanto, con tale documentoBenedetto XVI ha inteso affidare alla Congregazione per il Clero, già competenteper la formazione permanente, anche la responsabilità della formazione iniziale inSeminario, riformando gli articoli della Costituzione apostolica Pastor bonus  (28 giugno 1988) dedicati al tema e trasferendo l’Ufficio per i Seminari presso la 1 F RANCESCO ,  Discorso alla Plenaria della Congregazione per il Clero (3 ottobre 2014):  LOsservatore  Romano , 226 (4 ottobre 2014), 8. 2  Cf.C ONGREGAZIONE PER L ’E DUCAZIONE C ATTOLICA ,  Ratiofundamentalis institutionis sacerdotalis (6gennaio 1970):  AAS  62 (1970), 321-384.  3 Congregazione per il Clero. Nel corso del suo Pontificato, il Santo Padre Francescoha offerto un ricco Magistero e un costante esempio personale riguardo al ministeroe alla vita dei sacerdoti, incoraggiando e seguendo i lavori che hanno condotto alpresente documento.Non sono mancati in questi anni documenti riguardantisingoli aspetti dellaformazione dei futuri chierici da partedi Dicasteri della Curia Romana: la Congregazione per l’Educazione Cattolica e quella per il Culto Divino  e laDisciplina dei Sacramenti, nonché la Congregazione per il Clero, oltre alle varie  Ratio nazionali, molte delle quali sono state consultate nel corso dei lavori 3 .  2.Lavori preparatori Una prima bozza della presente  Ratio Fundamentalis  è stata elaborata dallaCongregazione per il Clerosin dalla primavera del 2014,inviata ad alcuni esperti e, soprattutto, ai Membri del Dicastero, in vista dell’Assemblea Plenaria, tenutasi nei giorni 1-3 ottobre 2014. In quella sede il testo è stato commentato e discusso dagliEm.mi ed Ecc.mi Membri, nonché dagli esperti invitati, che hannoofferto allaCongregazione proposte e suggerimenti per il seguito dei lavori.Tale materiale è servito per redigere un testo ampliato,arricchito dai suggerimentiricevuti da alcuni Dicasteri della Curia Romana, interessati al tema per competenza (Congregazione per l’Evangelizzazione dei  Popoli, Congregazione per gli Istituti diVita Consacrata e le Società di Vita Apostolica e Congregazione per le ChieseOrientali), o in virtù dell’esperienza precedentemente accumulata (Congregazione  per l’Educazione Cattolica). Nel corso del 2015 il testo è stato inviato a numerose Conferenze Episcopali eNunziature Apostoliche,  per ricevere il loro parere e al fine di allargare l’ambito della consultazione e della riflessioneai Paesi nei quali la  Ratio Fundamentalis dovrà essere applicata, nello spirito di quella sinodalità tanto spesso richiamata daPapa Francesco.Neigiorni 19 e 20 novembre 2015, la Congregazione per il Clero ha anche promossoun Convegno Internazionale dedicato al 50° anniversario dei documenti conciliari Optatam totius e Presbyterorum ordinis , nel corso del qualeCardinali,Vescovi,professori, formatori ed espertihanno potuto offrire il loro prezioso contributo allariflessione sul tema della formazione dei candidati agli Ordini sacri.La Congregazione per il Clero, tenendo in debita considerazione gli apporti ricevutiin materia, ha redatto una bozza definitiva, esaminata, dapprima, da alcuni 3  Tali documenti saranno menzionati in dettaglio e di essi si terrà conto in modo specifico nel seguito deltesto.  4 Consultorie, successivamente, presentata ad alcuni Dicasteri della Curia Romana(Segreteria di Stato, Congregazione per la Dottrina della Fede, Congregazione per ilCulto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Congregazione per i Vescovi, Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, Congregazione per gli Istituti diVita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, Congregazione per l’Educazione Cattolica, Congregazione per le Cause dei Santi, Congregazione perle ChieseOrientali, Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi), secondo quello spirito di corresponsabilità e cooperazione richiamato dall’art. 17 della Pastor Bonus .Altermine di questa consultazione e alla luce dei suggerimenti ricevuti,è statoelaborato il testo definitivo da sottoporre al Santo Padre Francesco in vista dell’approvazione, conformemente all’art. 18 della Pastor Bonus .  3.Note caratterizzanti e contenuti fondamentali Il cammino formativo dei sacerdoti, sin dagli anni del Seminario, è descritto nellapresente  Ratio Fundamentalis a partire da quattro note caratterizzanti la formazione,che viene presentata come unica, integrale, comunitaria e missionaria.La formazione dei sacerdoti èil proseguimento di un unico “ cammino discepolare ” ,che iniziacon il battesimo, si perfeziona  con gli altri sacramenti dell’iniziazione cristiana, viene accolto come centro della propria vita al momento dell’ingresso in Sem inario e prosegue per tutta l’esistenza .La formazione  –   iniziale e permanente  –   deve essere compresa in una visioneintegrale, che tenga conto delle quattro dimensioni proposte da Pastores dabo vobis , che insieme compongono e strutturano l’identità del seminarista e del presbitero, e lorendono capace di quel “dono di sé allaChiesa”, che è il contenuto della carità pastorale.  Occorre che l’intero percorso di formazione non si identifichi con un solo aspetto, a scapito degli altri, ma sia sempre uncamminointegrale del discepolochiamato al presbiterato.Tale formazione ha uncarattere eminentemente comunitario sin dalla sua srcine; lavocazione al presbiterato, infatti, è un dono che Dio fa alla Chiesa e al mondo, unavia per santificarsi e santificare gli altri che non va percorsa in manieraindividualistica, ma sempre avendo come riferimento una porzioneconcretadel Popolo di Dio. Tale vocazione viene scoperta e accolta all’interno di una comunità, si formain Seminario, nel contesto di una comunità educante che comprende variecomponenti del Popolo di Dio, per portare il seminarista, con l’ordinazione, a far  parte della “famiglia”  del presbiterio, al servizio di una comunità concreta. Ancherispetto ai sacerdoti formatori, la presente  Ratio Fundamentalis  intende sottolineare che, in vista dell’efficacia del loro operato, e ssi devono considerarsi e agire come
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks