Elettrodomestici: come risparmiare 400 euro

Description
Numero 10 maggio 2014 dal 1981 Il primo quindicinale italiano indipendente di informazione, attualità, economia, cultura dedicato al condominio e al patrimonio immobiliare Direzione e redazione: 10125

Please download to get full document.

View again

of 32
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Resumes & CVs

Publish on:

Views: 6 | Pages: 32

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
Numero 10 maggio 2014 dal 1981 Il primo quindicinale italiano indipendente di informazione, attualità, economia, cultura dedicato al condominio e al patrimonio immobiliare Direzione e redazione: Torino, Via E. Thesauro, 2 - Tel r.a. - Fax Anno XVII - t 3,50 Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.. 353/2003 (conv. in n. 46) art. 1, comma 1, NO/TORINO anno Stampa: Agagrafica - uneo AFFITTI a ripartizione delle spese tra proprietari e inquilini Pag. 2 Migliorano le condizioni d acquisto, ma le compravendite continuano a diminuire Fisco: l incertezza stritola la casa PRIVAY I diritti del condomino in materia di trasparenza Pag. 5 e case costano meno; rispetto al recente passato c è una maggiore possibilità di accendere un mutuo, sia perché il reddito disponibile alla copertura delle rate è leggermente aumentato, sia perché gli istituti di credito stanno applicando restrizioni meno severe alle erogazioni. Eppure le compravendite residenziali continuano a calare in maniera significativa. Da parte del mondo politico e degli stessi operatori di mercato, meritano una riflessione accurata i dati contenuti nel Rapporto Immobiliare 2014: lo studio annuale sul mercato delle abitazioni frutto della collaborazione fra l Osservatorio del Mercato Immobiliare dell Agenzia delle Entrate (Omi) e l Associazione Bancaria Italiana (Abi), dal quale emerge che, con 407mila unità immobiliari scambiate, l andamento delle transazioni nel 2013 ha fatto registrare un -9,2% rispetto all anno precedente. Scendendo nel dettaglio dell indagine, il volume complessivo delle abitazioni compravendute nel 2013 è stato pari a unità rispetto alle del Il calo, che in verità nel corso dell anno ha subito anche un lieve rallentamento, ha riguardato maggiormente le aree del entro (-10,3%) e delle Isole (-10,8%). Seguono il Sud (-9,8%), il Nord Ovest (-8,8%) e il Nord Est (-7,5%). Nel 2013, in tutti i omuni le perdite più elevate si sono registrate nelle compravendite di abitazioni monolocali (-10,5%) e piccole (-9%). Unica eccezione il rialzo del 5,6% per le abitazioni medio piccole nei capoluoghi del Nord Est. In generale, la tipologia abitativa più venduta è stata quella media. Esaminando, poi, il mercato del mattone nelle grandi città e loro province, si può notare che le maggiori città per numero di abitanti, hanno fatto registrare un calo più contenuto degli scambi rispetto alla media nazionale (-5,5%). Anche in questo contesto, tuttavia, ci sono delle eccezion: Napoli (-15,2%) e Genova (-10,3%) mostrano flessioni molto più marcate, mentre Roma segue con una discesa del 7,3%. Segnali positivi invece per Milano, che risale del 3,4% e, in maniera più contenuta, Bologna con l 1,5%. Nei omuni delle province delle grandi città la flessione nella compravendita di case risulta più elevata (-10,6%). I cali maggiori si registrano a Roma (-13,8%) e FISO a separazione coniugale e il bonus prima casa Pag. 6 a Milano (-11,1%); Torino e Genova seguono ex aequo (-10,2%). hiudono la serie, con il calo minore, i omuni della provincia di Bologna (-5,7%). Ora, aldilà delle cifre che delineano la tendenza, è fondamentale comprendere quali siano le motivazioni che la determinano. Di certo, in questo quadro, un ruolo significativo è giocato dalla grande incertezza sul versante fiscale, che rallenta ulteriormente sia gli acquisti di abitazioni principali, sia quelli ad uso investimento. E la confusione che TASI Su negozi e capannoni si rischia una stangata Pag. 7 negli ultimi giorni ha caratterizzato la discussione sul Piano asa, complici gli emendamenti approvati dalla ommissione Ambiente e successivamente stoppati da quella Bilancio, non aiuta a dipanare la matassa. Una svolta è attesa per il 27 maggio quando il provvedimento (che nel frattempo sarà passato in Senato) dovrà ottenere il via libera anche dalla camera, pena la sua decadenza. Dopodiché si a- prirà un altra partita, quella sulla Tasi, che si giocherà su tre terreni: aliquote, detrazioni e scadenze. EFFIIENZA Sulla bozza del decreto già infuria la polemica Pag. 13 Elettrodomestici: come risparmiare 400 euro Una delle voci che maggiormente incidono sul bilancio delle famiglie italiane è quella relativa alle utenze domestiche. Ma come ridurre i consumi e, di conseguenza, la spesa? Alcune soluzioni sono quelle proposte nei giorni scorsi dal sito Facile.it (specializzato nel confronto delle tariffe proposte dagli operatori del mondo energia), che ha diffuso uno studio con un esito sorprendente: migliorare, anche di poco, la classe energetica di alcuni degli elettrodomestici può consentire di risparmiare fino a 400 euro all anno sulla sola bolletta Bonus mobili: una risorsa avvolta dal mistero Uno dei nodi che l approvazione del Piano asa è chiamata a sciogliere definitivamente, è quello sul bonus mobili, caratterizzato dall eterno dilemma: la detrazione può essere fruita pienamente o dipende dall entità dei lavori di ristrutturazione effettuati? In attesa dell ardua sentenza, è interessante osservare i dati elaborati dal resme, secondo cui, nel 2013 grazie alla misura gli italiani hanno speso 28 miliardi di euro, e sono così stati salvati oltre posti di lavoro. Dall indagine emerge che gli investimenti per rinnovare gli arredi hanno fatto confluire nelle casse dello Stato ben 4,8 miliardi di euro di Iva: un trend positivo che sta continuando anche nell anno in corso, come confermano i dati del primo bimestre 2014, che ha visto un impennata dei lavori di recupero: 5,7 miliardi di euro al netto di Iva (+54% rispetto allo stesso periodo dell anno passato). Positivi anche i risultati del bonus mobili Sperimentazione in 5 province. Da gennaio obbligo in tutta Italia atasto terreni: via al nuovo Pregeo Mentre fervono consultazioni, confronti, dibattiti, messe a punta di metodi di calcolo in materia di riforma del catasto, c è già una novità sul fronte dei terreni: è infatti partita la nuova versione del Pregeo, a Firenze, Bologna, Genova, Reggio alabria e Siena. Il sistema sarà attivo in via sperimentale fino al prossimo 31 dicembre. Per il resto d Italia, invece, la medesima sperimentazione verrà attivata a partire dal 1 uglio e diventerà obbligatoria a partire da gennaio Durante il periodo intermedio si potranno presentare sia con la versione vecchia, che mediante quella sperimentale, tutti i tipi di aggiornamento, che verranno in ogni caso elaborati ed eventualmente approvati dal atasto, con la versione nuova del programma. Restano comunque esclusi dall approvazione automatica gli atti di cui al paragrafo 5 della ircolare n. 3 del 2009 della ex Agenzia del Territorio, ovvero: tipi particellari, variazioni riguardanti particelle di acque e strade, variazioni eseguiti su modelli autoallestiti di estratto di mappa catastale, variazioni eseguiti in esenzione di tributi erariali, aggiornamenti riguardanti particelle del Demanio Pubblico. In aggiunta (altra recente novità) i tecnici potranno ottenere le mappe da aggiornare anche on line, tramite i sistemi Sister. a novità del nuovo software consiste nel permettere la trattazione totalmente automatica di tutte le tipologie di atti di aggiornamento geometrici, con il un nuovo sistema che utilizza un nuovo modello tecnico-operativo diverso da quello attuale, basato sulle tipologie, con modello basato sul riconoscimento automatico delle variazioni catastali con individuazione dalla proposta di aggiornamento, dall estratto di mappa e dal modello per il trattamento dei dati censuari. Tutti i controlli normali e sostanziali sono eseguiti automaticamente, con un funzionamento ormai consolidato che rende il sistema molto efficiente. Sono peraltro in corso anche appositi seminari di divulgazione presso le sedi provinciali del catasto. a fase sperimentale è iniziata già da circa un mese presso i cinque Uffici Provinciali del atasto di Firenze, Bologna, Genova, Reggio alabria e Siena, mentre il download del software è già disponibile on line sul sito internet del atasto. legato alle ristrutturazioni che, secondo gli ultimi dati del centro studi osmit-federlegnoarredo, porterà nel 2014 ad acquisti di arredamento per circa 900 milioni di euro. Peraltro, come sottolineato dallo stesso ministro upi, tali bonus hanno già garantito il recupero di quasi due punti di Pil. Alla luce di questi importanti risultati siamo fiduciosi nella conversione in legge del decreto sull emergenza abitativa, sottolinea Roberto Snaidero, presidente Federlegnoarredo. ASSAZIONE a scala nel sottotetto e la servitù di passaggio Pag. 21 della corrente elettrica. Il portale, peraltro, ha preso in considerazione una situazione media: non il passaggio dalla classe energetica peggiore a quella più efficiente, ma il solo miglioramento di un gradino nella scala dell efficienza. Ebbene, ecco alcuni risultati: passando da un vecchio televisore con tubo catodico in classe B ad uno in classe A con tecnologia ed, e ipotizzando ore di accensione annua, il risparmio possibile ammonta a poco meno di 36 euro. Sul fronte della lavatrice (uno degli elettrodomestici che consumano di più), basta passare da una in classe energetica B ad una in classe A+ e, utilizzandola per due cicli settimanali a pieno carico, il risparmio sarà superiore a 14 euro; destinati ovviamente ad aumentare se i lavaggi fatti sono più di due. Ma c è un dato che colpisce forse ancora maggiormente: sostituendo appena 14 lampadine ad incandescenza (qualora ancora presenti in casa) con altrettante di tecnologia ed la bolletta si alleggerirebbe di ben 191 euro. 2 MAGGIO ATTUAITÀ N a tabella della suddivisione degli oneri accessori, concordata da onfedilizia e sindacati, potrà essere allegata ai contratti d affitto Proprietari e inquilini: ecco la ripartizione delle spese ASENSORE Manutenzione ordinaria e piccole riparazioni Installazione e manutenzione straordinaria degli impianti Adeguamento alle nuove disposizioni di legge onsumi energia elettrica per forza motrice e illuminazione Ispezioni e collaudi IMPIANTI DI RISADAMENTO, ONDIZIONAMENTO, PRODUZIONE AQUA ADA, ADDOIMENTO AQUA, PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABII Installazione e sostituzione degli impianti Adeguamento degli impianti a leggi e regolamenti Manutenzione ordinaria degli impianti, compreso il rivestimento refrattario Pulizia annuale degli impianti e dei filtri e messa a riposo stagionale ettura dei contatori Achi spetta la manutenzione dell ascensore? hi deve farsi carico dello stipendio del portiere? E ancora: se si rompe un vetro nell appartamento affittato, da chi deve essere effettuata la sostituzione? Sono soltanto alcuni delle questioni che quotidianamente complicano i rapporti tra proprietario ed inquilino, dando origini a liti che spesso vanno ad ingolfare ulteriormente il lavoro dei tribunali. Per far fronte a tale problema, onfedilizia ha concordato nei giorni scorsi con le rappresentanze dei conduttori (Sunia, Sicet e Uniat) la tabella che definisce la ripartizione delle spese per oneri accessori fra locatore e conduttore e che potrà essere richiamata nei contratti di locazione per fugare a monte ogni dubbio. Per il presidente di onfedilizia, orrado Sforza Fogliani, le numerose voci comprese nelle varie sezioni (ascensore, autoclave, impianti di svariato tipo, parti comuni, parti interne, portierato, pulizia) tengono conto di novità tecniche negli ultimi anni sempre più diffuse, come gli impianti di videosorveglianza e l impiantistica centralizzata di flussi informativi. Il principio seguito, in sostanza, consiste in una rigorosa delimitazione degli ambiti di spesa, a proposito della quale onfedilizia cita come esempio l antincendio: al proprietario spettano l installazione e la sostituzione dell impianto, oltre che gli acquisti degli estintori, mentre manutenzione IMPIANTI SPORTIVI ordinaria, ricarica degli estintori, ispezioni e collaudi fanno carico all inquilino. A giudizio di Daniele Barbieri, segretario generale del Sunia, nella particolare fase economica di notevole difficoltà per le famiglie, che si traduce in evidenti sofferenze anche nei pagamenti delle spese condominiali, serve una rinnovata attenzione, anche alla luce della riforma del condominio, alla trasparenza, alla regolare rendicontazione, alla documentazione giustificativa e alla possibilità di verifica e visura della stessa, da parte degli inquilini, anche con l assistenza delle organizzazioni di rappresentanza. Su tutte queste tematiche riveste notevole importanza la partecipazione all assemblea Installazione e manutenzione straordinaria Addetti (bagnini, pulitori, manutentori ordinari ecc.) onsumo di acqua per pulizia e depurazione; acquisto di materiale per la manutenzione ordinaria IMPIANTO ANTINENDIO Installazione e sostituzione dell impianto Manutenzione straordinaria di tetti e lastrici solari Manutenzione ordinaria di tetti e lastrici solari Manutenzione straordinaria della rete di fognatura Manutenzione ordinaria della rete di fognatura, compresa la disostruzione dei condotti e pozzetti Sostituzione di marmi, corrimano, ringhiere Manutenzione ordinaria di pareti, corrimano, ringhiere di scale e locali comuni onsumo di acqua ed energia elettrica per le parti comuni Installazione e sostituzione di serrature Manutenzione delle aree verdi, compresa la riparazione degli attrezzi utilizzati Installazione di attrezzature quali caselle postali, cartelli segnalatori, bidonia,rmadietti per contatori, zerbini, tappeti, guide e altro materiale di arredo Manutenzione ordinaria di attrezzature quali caselle postali, cartelli, segnalatori, bidoni, armadietti per contatori, zerbini, tappeti, guide e altro materiale di arredo Tassa occupazione suolo pubblico per passo carrabile Tassa occupazione suolo pubblico per lavori condominiali PARTI INTERNE A APPARTAMENTO OATO Sostituzione integrale di pavimenti e rivestimenti Manutenzione ordinaria di pavimenti e rivestimenti Rifacimento di chiavi e serrature Tinteggiatura di pareti PORTIERATO condominiale degli inquilini sui servizi a loro attribuiti. Secondo Guido Piran, segretario generale del Sicet, l accordo raggiunto è importante per la possibile e auspicata riduzione del contenzioso tra inquilini e proprietari, attraverso una maggiore chiarezza e certezza nell indicazione dei rispettivi oneri. Augusto Pascucci, presidente dell Uniat Uil, ha infine rilevato: Auspichiamo continuità all accordo, costituendo una commissione paritetica nazionale con compiti di pareri, chiarimenti e interpretazioni alle strutture territoriali firmatarie, a soggetti di rappresentanza e ai cittadini, in merito ai contenuti delle ripartizioni. TABEA ONERI AESSORI RIPARTIZIONE FRA OATORE E ONDUTTORE ONORDATA TRA ONFEDIIZIA E SUNIA-SIET-UNIAT REGISTRATA I 30 APRIE 2014 A ROMA (Agenzia Entrate, Ufficio territoriale Roma 2, n.8455/3) AUTOAVE Installazione e sostituzione integrale dell impianto o di componenti primari (pompa, serbatoio, elemento rotante, avvolgimento elettrico ecc.) Manutenzione ordinaria Imposte e tasse di impianto Forza motrice Ricarico pressione del serbatoio Ispezioni, collaudi e lettura contatori IMPIANTI DI IUMINAZIONE, DI VIDEOITOFONO, DI VIDEOSORVEGIANZA E SPEIAI Installazione e sostituzione dell impianto comune di illuminazione Manutenzione ordinaria dell impianto comune di illuminazione Installazione e sostituzione degli impianti di suoneria e allarme Manutenzione ordinaria degli impianti di suoneria e allarme Installazione e sostituzione dei citofoni e videocitofoni Manutenzione ordinaria dei citofoni e videocitofoni Installazione e sostituzione di impianti speciali di allarme, sicurezza e simili Manutenzione ordinaria di impianti speciali di allarme, sicurezza e simili Installazione e sostituzione di impianti di videosorveglianza Manutenzione ordinaria di impianti di videosorveglianza Acquisto combustibile, consumi di forza motrice, energia elettrica e acqua Acquisti degli estintori Manutenzione ordinaria Ricarica degli estintori, ispezioni e collaudi IMPIANTO ENTRAIZZATO DI RIEZIONE RADIOTEEVISIVA E DI FUSSI INFORMATIVI Installazione, sostituzione o potenziamento dell impianto centralizzato per la ricezione radiotelevisiva e per l accesso a qualunque altro genere di flusso informativo anche da satellite o via cavo Manutenzione ordinaria dell impianto centralizzato per la ricezione radiotelevisiva e per l accesso a qualunque altro genere di flusso informativo anche da satellite o via cavo PARTI OMUNI Sostituzione di grondaie, sifoni e colonne di scarico Manutenzione ordinaria grondaie, sifoni e colonne di scarico Manutenzione ordinaria di infissi, serrande e dell impianto sanitario Sostituzione di vetri Manutenzione ordinaria di apparecchi e condutture di elettricità, dei cavi, degli impianti citofonico, videocitofonico e degli impianti individuali di videosorveglianza, per la ricezione radiotelevisiva e per l accesso a qualunque altro genere di flusso informativo anche da satellite o via cavo Verniciatura di opere in legno e metallo Manutenzione ordinaria dell impianto di riscaldamento e condizionamento Manutenzione straordinaria dell impianto di riscaldamento e condizionamento Trattamento economico del portiere e del sostituto, compresi contributi previdenziali e assicurativi, accantonamento liquidazione, tredicesima, premi, ferie e indennità varie, anche locali, come da c.c.n.l. Materiale per le pulizie Indennità sostitutiva alloggio portiere prevista nel c.c.n.l. Manutenzione ordinaria della guardiola Manutenzione straordinaria della guardiola PUIZIA Spese per l assunzione dell addetto Trattamento economico dell addetto, compresi contributi previdenziali e assicurativi, accantonamento liquidazione, tredicesima, premi, ferie e indennità varie, anche locali, come da c.c.n.l. Spese per il conferimento dell appalto a ditta Spese per le pulizie appaltate a ditta Materiale per le pulizie Acquisto e sostituzione macchinari per la pulizia Manutenzione ordinaria dei macchinari per la pulizia Derattizzazione e disinfestazione dei locali legati alla raccolta delle immondizie Disinfestazione di bidoni e contenitori di rifiuti Tassa rifiuti o tariffa sostitutiva Acquisto di bidoni, trespoli e contenitori Sacchi per la preraccolta dei rifiuti SGOMBERO NEVE Spese relative al servizio, compresi i materiali d uso N.B. Per le voci non previste dalla presente tabella si rinvia alle norme di legge e agli usi locali EGENDA: = locatore; = conduttore 10% 90% 10% 90% 10% 90% MAGGIO 2014 N.10 ONDOMINIO 3 onfabitare ne propone l affiancamento all amministratore per incrementare l efficienza ed abbattere i consumi residenziali ondominio: ecco l energy manager Alberto Zanni pres. naz. onfabitare energia è un tema centrale a livello politico e sociale, e ridurne il consumo è una necessità. Dal Rapporto annuale di efficienza energetica dell Enea del dicembre 2012 risulta che in Italia, nel 2011, gli impieghi finali di energia sono stati pari a 134,9 Mtep (Milioni di tonnellate equivalenti di petrolio) con una riduzione del 2,65 % rispetto al a ripartizione degli impieghi mostra ancora una forte incidenza degli usi civili (con una quota del 34,4%); seguono il settore dei trasporti, con il 31,5 %, e l industria, con il 24,2%. Il confronto degli impieghi finali di energia dal 2000 al 2011 mostra che, a fronte di una consistente riduzione dei consumi del settore industriale, dovuto in particolare alla crisi economica (-23 %), c è stato un significativo aumento di quelli relativi agli usi civili (+15%). Se analizziamo la quota dei consumi energetici per usi civili, notiamo che il 68% è dovuto al riscaldamento, il 17 % agli usi elettrici come l illuminazione e gli elettrodomestici, il 9% alla produzione di acqua calda sanitaria e il rimanente 6% agli usi cucina. A questi consumi corrisponde il 27% delle emissioni nazionali di gas clima-alteranti, di cui il 10% è rappresentato dagli impianti di riscaldamento, maggiore causa di inquinamento urbano dopo il traffico. Purtroppo, dell energia consumata in una stagione per riscaldare un edificio, una buona parte viene dispersa dalle strutture
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks