2012, Aprile - Wired

Description
WIRED.IT – 18 aprile 2012 Siamosoci, il marketplace per startup e investitori italiani Tre progetti finanziati in quattro mesi, ma l’obiettivo a regime è finanziare 1.500 progetti ogni anno. Il fondatore Dario Giudici ci spiega come funziona 18 aprile 2012 di Silvio Gulizia Siamosoci è un marketplace sui generis, in cui da una parte ci sono investitori e dall’altra startup. Lo ha inventato Dario Giudici, professionista del private banking, dopo aver toccato con mano la “disaffezione verso gli i

Please download to get full document.

View again

of 2
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Documents

Publish on:

Views: 2 | Pages: 2

Extension: PDF | Download: 0

Share
Tags
Transcript
  WIRED.IT – 18 aprile 2012 Siamosoci, il marketplace per startup e investitori italiani   Tre progetti finanziati in quattro mesi, ma l’obiettivo a regime è finanziare 1.500 progetti ogni anno. Il fondatore Dario Giudici ci spiega come funziona   18 aprile 2012 di Silvio Gulizia   Siamosoci è un marketplace sui generis, in cui da una parte ci sono investitori e dall’altra startup. Lo ha inventato Dario Giudici, professionista del  private banking, dopo aver toccato con mano la “disaffezione verso gli investimenti tradizionali di cui si fa sempre più  fatica a capire la logica”. L’idea è nata da una discussione con alcuni colleghi del private banking nel 2009, in cerca di soluzioni per i propri clienti. Secondo Giudici da parte di imprenditori privati, professionisti e manager c’è la volontà di investire in innovazione e nelle startup, che in questo momento più che mai hanno bisogno di finanziamenti. Siamosoci è una startup lei stessa, creata da nove soci fra cui il fondatore di Dada Paolo Barberis. Da ottobre sono stati finanziati tre progetti sui 30 pubblicati, a fronte di 280 iscritti.   Il vostro progetto sembra essere in qualche modo figlio della crisi. È così ?   “Penso che la crisi per noi sia un’opportunità. Il sistema bancario è in forte crisi e questo ha fatto venir meno quelle risorse finanziarie indispensabili ad alimentare il sistema economico. In particolare in Italia dove le piccole e medie imprese hanno necessità di finanziare i propri investimenti. La crisi ci ha insegnato che le logiche di un mercato inteso come borsa e finanziamento del debito attraverso scambio di titoli segue logiche non sempre legate alla realtà sottostante. C’è una volontà di ritorno a investimenti su progetti imprenditoriali che si possono comprendere e sposare”.   Sembri suggerire che le startup possono essere il nuovo mattone?   “Non sto parlando solo di startup, ma di qualsiasi progetto innovativo che significhi la nascita di nuove imprese e sia fondato sulla concretizzazione di nuove idee. Credo che questo sia il   mattone indispensabile per la ripartenza di una crescita sana in Italia”.   Anche vuoi siete una startup: come guadagnate?   “Non abbiamo ancora attivato il modello di business. Prenderemo una percentuale che sarà pagata da chi avrà trovato finanziamenti attraverso di noi”.   Quanto vale questo mercato?    “In Italia vengono costituite 45mila nuove società ogni anno. Nei primi due anni di vita ne muore oltre il 70% per lo più per motivi di ordine finanziario e perché non trovano finanziamenti. Nel nostro Paese ci sono 398 mila privati con reddito superiore a 100mila euro e oltre 600mila famiglie con un patrimonio mobiliare di circa 500mila euro. Se assumiamo un 10% di penetrazione, ma il nostro obiettivo è il 20%, a regime dovremmo avere 50 o 60mila investitori registrati alla piattaforma, con la possibilità di finanziare 1.500 progetti all’anno”.   Chi sono i vostri competitor? Le banche?   “Non le banche, anzi gli istituti di credito sono casomai potenziali acceleratori perché sono alla disperata ricerca di nuovi prodotti per i propri clienti. E neppure sono nostri competitor i venture: noi   contribuiamo alla crescita dell’ecosistema e se questo funziona è un vantaggio per tutti quelli che fanno investimenti. Inoltre i venture operano con logiche diverse, finanziarie, e per conto di clienti che non vogliono occuparsene. I concorrenti sono altre piattaforma che oggi stanno iniziando a nascere tipo Trovasocio.it .   Siamosoci è un nome che non si esporta. Resterete in Italia?   “Almeno fino a quando non avremo dimostrato che il modello funziona. L’internazionalizzazione ci interessa come scambio con l’estero, cioè far investire stranieri in progetti italiani, non nel senso di portare la piattaforma all’estero”.   Quanto pensate di guadagnare?   “Il modello di business andrà affinato nel tempo. A regime sono convinto che la piattaforma avrà tassi di crescita elevati. Riteniamo che possa produrre nell’ordine del milione di euro di ricavi entro il 2014 e cinque milioni entro 2016”. http://italianvalley.wired.it/news/2012/04/18/siamosoci-marketplace-startup-investitori- italiani-156798.html  
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks
SAVE OUR EARTH

We need your sign to support Project to invent "SMART AND CONTROLLABLE REFLECTIVE BALLOONS" to cover the Sun and Save Our Earth.

More details...

Sign Now!

We are very appreciated for your Prompt Action!

x