1 I programmi potranno subire variazioni che saranno comunicate attraverso le pagine web del dipartimento.

Description
1 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE SOCIALI E DEL SERVIZIO SOCIALE (Interclasse L-39 Servizio sociale e L-40 Sociologia) Terzo anno Igiene Prof. Mauro Maccari Obiettivi e metodi dell Igiene, della Medicina preventiva

Please download to get full document.

View again

of 11
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Information
Category:

Finance

Publish on:

Views: 3 | Pages: 11

Extension: PDF | Download: 0

Share
Transcript
1 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE SOCIALI E DEL SERVIZIO SOCIALE (Interclasse L-39 Servizio sociale e L-40 Sociologia) Terzo anno Igiene Prof. Mauro Maccari Obiettivi e metodi dell Igiene, della Medicina preventiva e della Sanità Pubblica; Principi generali di Epidemiologia; Elementi di organizzazione aziendale; Modelli organizzativi dei vari servizi sanitari; Il Servizio Sanitario Nazionale ed i modelli dei Servizi Sanitari regionali in Italia; Aziende Sanitarie, Aziende Ospedaliere, Aziende Ospedaliere Universitarie; Gestione per processi nelle strutture sanitarie e sociosanitarie; Costruzione dei percorsi Diagnostico-Terapeutici; Analisi delle principali patologie croniche degenerative ed il loro impatto sociale; Nuovi modelli di presa in carico dei pazienti cronici ad alto impatto sociale; Medicina di iniziativa: il Chronic Care Model; Principi di economia sanitaria e strumenti di programmazione sociosanitaria; Determinanti di salute; Modelli organizzativi dei servizi socio-sanitari: il Distretto Sociosanitario e la Società della salute; Organizzazione della continuità Ospedale-Territorio; Dimissioni programmate e protette; Strutture sanitarie di ricovero intermedio territoriali e RSA; Assistenza Domiciliare Integrata; Autorizzazione e Accreditamento delle strutture Socio-sanitarie; Educazione sanitaria nell ambito della promozione della salute; 2 Azioni di prevenzione e di tutela della salute; Comunicare in ambito sanitario. Il corso ha la durata di 42 ore ed è valido per la Classe L-39. L esame consiste in una prova orale, condotta secondo i criteri definiti dall art. 23 del Reg. didattico di Ateneo. Commissione di esame Prof. M. Maccari (Presidente), ulteriori membri da definire. Testi richiesti Dispense preparate dal docente. Metodi e tecniche del servizio sociale Prof. Roberto Mazza Il tema del corso sarà il processo d'aiuto nelle sue varie dimensioni: individuale, famigliare e di comunità. La caratterizzazione del corso di quest anno riguarderà in particolare lo sviluppo nel servizio sociale del pensiero sistemico, con alcuni aspetti storici sull evoluzione delle teorie sistemiche, (dalla cibernetica di von Bertanlaffy a Gregory Bateson e la scuola di palo Alto) e il conseguente contributo alle scienze sociali e al servizio sociale. a) Nella prima parte del corso saranno sviluppati i paradigmi teorici di riferimento ed alcune tra le più ricorrenti concettualizzazioni, in ambito metodologico e tecnico; le principali definizioni di servizio sociale professionale e gli argomenti che primariamente contestualizzano la professione dell'assistente sociale nell'attuale sistema di welfare nazionale e regionale. Verranno approfondite le dimensioni del servizio sociale legate allo sviluppo dei metodi e delle tecniche professionali (facendo particolare riferimento ai modelli inter- vento psicosociale di orientamento sistemicorelazionale (testi di Bertrando e Campanini) e la declinazione del modello sistemico nelle tecniche comunicative e di presa in ca- rico proprie dei servizi sociali. Con riferimento ai contesti reali in cui oggi si sviluppa la professione, caratterizzati da fenomeni diffusi di multi-problematicità e sempre più frequentemente multiculturalità. Le metodologie e gli strumenti professionali (tecniche del colloquio, comunicazione, osservazione, visita domiciliare, lavoro di gruppo ed in rete, elementi di lavoro di comu- 3 nità, documentazione, indicatori per valutare la disfunzionalità e la recuperabilità, ma anche i processi di presa in carico, nelle situa- zioni di disagio che coinvolgono in particolare i minori). Il processo d'aiuto verrà affrontato attraverso la descrizione delle fasi processuali. Il lavoro interdisciplinare; la formazione e la supervisione (testo di Mazza) come metodo per migliorare la qualità professionale e la prevenzione delle crisi motivazionali. b) Una seconda parte del corso introdurrà il tema Famiglia e minori (con riferimento particolare al testo di Bertotti Bambini e famiglie in difficoltà, e Cirillo Cattivi genitori). Verranno presentate le diverse forme di trascuratezza, maltrattamento ed abuso. Valutazione delle competenze genitoriali e pro- gnosi. Fattori di rischio e fattori di protezione. Le risonanze emotive e culturali che accompagnano le vicende pubbliche dei minori allontanati. La difficile trattabilità e il danno secondario . Trattamento e misure protettive. Il concetto di resilienza familiare. Il sostegno alle funzioni genitoriali e le possibili forme d'intervento sostitutivo (affido, comunità socioeducative, adozione). Il lavoro nelle condizioni di multiproblematicità (patologie invalidanti, forte conflittualità, povertà economica, antisocialità...). Le funzioni degli organi giudiziari competenti (Tribunali per i Minorenni, le Procure della repubblica, Tribunale ordinario, Organi della magistratura e servizi sociali. c) Un ultima parte sarà dedicata alle famiglie migranti ed alle esperienze transculturali. La mente multiculturale, le nuove sfide professionali ed il sistema dei servizi. I minori ed i figli migranti. Complessità, singolarità e rispetto delle differenze. (per questa parte saranno sufficienti gli appunti delle lezioni che faranno riferimento ai testi in particolare di Moro e Anolli - vedi testi consultazione). Oltre alle lezioni frontali sono previsti seminari ed esercitazioni, accompagnate da lavori individuali ed in sottogruppi, con discussione di casi, esempi, simulazioni ed analisi di testi scritti o analisi di video reperiti dagli studenti nei propri contesti di tirocinio o proposti dai docenti. Il corso ha la durata di 63 ore ed è valido per la Classe L-39. L esame consiste in una prova orale condotta secondo i criteri definiti dall art. 23 del Regolamento didattico di Ateneo. Commissione d'esame Prof. Roberto Mazza (presidente), prof. Andrea Salvini, Dr.ssa P. Giusti, Dr.ssa S. Ambrogetti, Dott. Marco Formato. Testi d'esame 1. M. Lerma, Metodi e tecniche del processo d'aiuto, Astrolabio, Roma1995. Da integrare con due capitoli di P. Bertrando sullo sviluppo del pensiero sistemico che 4 saranno segnalati a lezione. 2. R. Mazza, Terapie imperfette. Il lavoro psicosociale nei servizi pubblici. Raffaello Cortina Editore, Milano 2016 Un saggio di lettura a scelta. 1. Dizionario di Servizio Sociale (Nuova edizione), a cura di A.M. Campanini, Carocci 2013 ( 150 pagine circa di Voci indicate a lezione) 2. T. Bertotti, Bambini e famiglie in difficoltà. Carocci Faber, Cirillo S. Berrini R. Cambiaso G. Mazza R., La famiglia del tossicodipendente, Raffaello Cortina Milano (Nuova edizione rivista e ampliata) 4. Froma Walsch, La resilienza familiare, Raffaello Cortina, 2010.(alcune parti da indicare) 5. S. Cirillo, Cattivi genitori, Raffaello Cortina Milano M. Rose Moro, Genitori in esilio, Raffaello Cortina Editore, Milano, Milano L. Anolli, La mente multiculturale, Raffaello Cortina editore, 2011 (soltanto alcune parti indicate a lezione) 8. L. Fruggeri, Diverse normalità - Psicologia sociale delle relazioni familiari, Carrocci, Roma, (alcune parti indicate a lezione). 9. G. Cambiaso, R. Mazza, La prospettiva trigenerazionale (in stampa per il 2017) 10. A.M. Campanini, L intervento sistemico. Un modello operativo per il servizio sociale. Carocci Roma Cam (a cura di) Nuove sfide per l affido, teorie e prassi Franco Angeli editore, Milano G. Schofield e M. Beek, Adozione, affido, accoglienza. L attaccamento al centro delle relazioni familiari (edizione italiana a cura di B. Ongari), Raffaello Cortina Editore, Milano (escluso alcune parti che verranno indicate a lezione). 13. M. Chistolini, La famiglia adottiva. Come aiutarla e sostenerla, Franco Angeli Milano A. Sorrentino, Figli disabili, Cortina editore, Milano (ristampa, 2013) 15. Marilena Della valle, Il processo d aiuto nel servizio sociale Giappichelli Torino M. Chistolini, Affido sine-die, Franco Angeli 2016 5 Organizzazione dei servizi sociali Prof.ssa Cristina Galavotti Evoluzione dei sistemi organizzativi socio-sanitari dal 78 ad oggi, con particolare attenzione al contesto della Regione Toscana (la gestione associata dalla Conferenza dei Sindaci alla Società della Salute). La carta di Ottawa e i determinanti di salute- Sperimentazione dell incrocio dei determinanti. Il Welfare municipale. La sussidiarietà verticale ed orizzontale. Approfondimenti normativi: L.833/78 Dl 229/99 L.328/00 L. Cost. 3/01 DPCM 14/2/01 L.R.T. 40/05 L.R.T. 41/05 LRT 84/16 Gli strumenti di programmazione Gli obiettivi di Salute Piano di Zona Profilo di Salute ed Immagine di Salute Piano Integrato di Salute Gli strumenti della programmazione delle ASL La valutazione degli strumenti e delle politiche sociali Integrazione sociosanitaria Diritti di cittadinanza e diritti esigibili La tutela L integrazione istituzionale: gli strumenti tecnici e i processi della programmazione 6 L integrazione gestionale: gli strumenti tecnici e i processi gestionali L integrazione operativa: strumenti e tecniche di servizio sociale L organizzazione Cosa si intende per organizzazione ed il ruolo dell A.S. all interno di essa. Il comportamento organizzativo. Caratteristiche dell organizzazione (fini, struttura formale, sistemi operativi,tecnologia, persone o risorse umane); i vincoli (normativi, contestuali, controllo interno). Clima e cultura organizzativa. Autonomia professionale. Controllo tecnico e supervisione di servizio sociale. La qualità e la valutazione dei processi di servizio sociale sul sistema di intervento. La programmazione partecipata ed i rapporti con il terzo settore Cos è la partecipazione e i sistemi di programmazione partecipata Il terzo settore: la delega su convenzione e la gestione dei servizi Livelli essenziali di assistenza LEA. LIVEAS. Struttura e loro finanziamento. La programmazione dei servizi nell ottica integrata. Modelli organizzativi I servizi socio assistenziali e socio sanitari L accreditamento Esternalizzazione dei servizi Approfondimenti tematici Il Proba tion Dipendenze patologiche Psichiatria Non autosufficienza L aggressività nei servizi Area Minori 7 Seminari Sono parte del corso i seguenti seminari La progettazione sociale Futuro presente. Organizzazioni del terzo settore e servizio sociale: opportunità, rischi, prospettive L integrazione socio-sanitaria: una sfida per le professioni di aiuto nella cura dei malati psichiatrici Testi Rossi P. (2014), Organizzazione dei servizi socioassistenziali, Roma, Carocci (escluso il cap 2) M. Giovannetti, C.Gori, L. Pacini, (2014) La pratica del Welfare Locale. L evoluzione degli interventi e le sfide per i Comuni, Maggioli Editore (solo cap 2,3,4) A.Salvini (a cura di, Atti di Convegno), (2016) Dinamiche di Comunità e Servizio Sociale, Pisa University Press Slide del corso Psicologia dello sviluppo II Prof. Renzo Piz Il corso di studio fornisce un quadro complessivo delle conoscenze sulla psicologia dello sviluppo concentrandosi sulla fase dell arco di vita adolescenziale, particolarmente cruciale per l ambito di ricerca, studio e intervento professionale dell Assistente Sociale. Considerata come momento specifico e autonomo nello sviluppo psicosociale, oltre che fisico e biologico dell'essere umano, l'età adolescenziale si caratterizza per una serie di problematiche fondamentali, relative sia ai compiti di sviluppo sia ai contesti di socializzazione dell'adolescente (famiglia, contesto scolastico, gruppalità tra pari, etc.). In particolare, tra gli altri temi, saranno approfonditi: (1) L'adolescenza secondo gli approcci classici, (2) Le fasi adolescenziali e giovanili nello sviluppo psicosociale, 8 (3) Identità e concetto di sé, (4) Pubertà e sviluppo fisico, (5) Logica, ragionamento, regole, (6) Lo sviluppo morale , (7) L organizzazione della vita quotidiana e la progettazione del futuro. In particolare per i contesti sociali verranno trattati approfonditamente: (i) le relazioni familiari, (ii) i gruppi di coetanei, (iii) le relazioni affettive, (iv) il contesto scolastico, (v) i rapporti con le istituzioni, (vi) l'incontro con il lavoro, (vii) la devianza e i diritti/doveri degli adolescenti. Si prevede una tipologia di erogazione dell'offerta didattico-formativa che affianchi alla consueta forma della lezione frontale anche momenti specifici di esercitazione pratica guidata circa alcuni argomenti trattati al fine di giungere alla completa realizzazione degli obiettivi didattico formativi. Il corso, pur nella sua autonomia, troverà interconnessioni e collegamenti con l Insegnamento di Psicologia Sociale II. Il corso ha durata di 42 ore, ed è valido per III anno della Classe L-39 V.O. L esame consiste in una prova orale, condotta secondo i criteri definiti dall art. 23 del Regolamento didattico di Ateneo. Commissione di esame Prof. R. Piz (Presidente), Prof. A. Aiello, Dott. I. Genovesi, supplente, Dott. A. Tesi. Testo richiesto 1. Palmonari A., Psicologia dell'adolescenza, Bologna, Il Mulino Edizione anno Speltini G., (a cura di), L età giovanile. Disagio e risorse psicosociali, Bologna, Il Mulino, Capp. 3 e 4, (Pagg ) Letture consigliate per approfondimenti: 1. Albiero, P. (a cura di) (2012). Il benessere psicosociale in adolescenza. Prospettive multidisciplinari, Roma, Carocci. 2. Cicognani E., Zani B., Genitori e adolescenti; Roma, Carocci Cicognani E., Zani B., Senso di comunità e benessere in adolescenza. In Ghigi R. (a cura di). Adolescenti in genere, Roma, Carocci (2012). 4. Maggiolini A., Pietropolli Charmet G., Manuale di psicologia dell'adolescenza: compiti e conflitti, Milano, Franco Angeli, 2008. 9 Commissione di esame Prof. R. Piz (Presidente), Prof. A. Aiello, Dott.ssa I. Genovesi. Testo richiesto A. Palmonari, Psicologia dell'adolescenza, Il Mulino Edizione anno Letture consigliate per approfondimenti: 5. Maggiolini A., Pietropolli Charmet G., Manuale di psicologia dell'adolescenza: compiti e conflitti, Milano, Franco Angeli, Cicognani E., Zani B., Genitori e adolescenti; Roma, Carocci Cicognani E., Zani B., Senso di comunità e benessere in adolescenza. In Ghigi R. (a cura di). Adolescenti in genere, Roma, Carocci (2012). Psicologia sociale II Prof. Antonio Aiello Il corso si propone di delineare un quadro approfondito della Psicologia Sociale con particolare attenzione per lo sviluppo di concetti e temi particolarmente attuali in una cornice di psicologia Politica e di Comunità. Verranno presentati i temi e problemi psicologico-sociali attualmente dibattuti in modo progredito nella disciplina affrontando argomenti quali, tra gli altri, le Relazioni interculturali, le Dinamiche dei processi di gestione delle convivenze socio-ambientali nella prospettiva della Cittadinanza attiva , nella deliberazione politica, nelle in-politiche o meta-politiche , nell'innovativa prospettiva di psicologia Politica della partecipazione e della gestione delle convivenze nella Comunità. Ciascun argomento sarà presentato illustrando i principali e più recenti inquadramenti teorici e prospettive metodologiche. In particolare, per quanto riguarda la Psicologia Politica verranno trattati temi quali: gli atteggiamenti politici e l'orientamento ideologico e politico, identità socio-politica, la Dominanza sociale e relazioni interpersonali/intergruppo, correlati psico-sociali delle azioni collettive e della scelta di voto. Sul versante della Psicologia di Comunità saranno delineate le principali teorie e interventi nella Comunità relativi: alla promozione del benessere, ai processi di Empowerment dall'individuale al sociale, alle dinamiche di potere e partecipazione, seguendo un approccio di tipo ecologico che situa l intervento in 10 una prospettiva di ricerca-azione, come operatore-nel-contesto. L obiettivo, inoltre, è quello di sviluppare una lettura critica, psicologico sociale, mettendo a confronto i temi cardine di politica e welfare collocando la figura professionale dell assistente sociale come di snodo per l attuazione di politiche e interventi situati nella e per la Comunità. Si prevede una tipologia di erogazione dell'offerta didattico-formativa che affianchi alla consueta forma della lezione frontale anche momenti specifici di esercitazione pratica guidata. Coerentemente con l argomento trattato il docente potrà avvalersi anche del contributo di testimonianze su specifici approfondimenti. Gli studenti verranno prontamente messi al corrente di seminari, interni o esterni al Dipartimento, al fine di fornire ulteriore completezza e con l'obiettivo di dotare della massima rilevanza esterna gli argomenti trattati. Il corso ha durata di 42 ore, ed è valido per III anno della Classe L-39 V.O. L esame consiste in una prova orale, che sarà preceduta da un preaccertamento scritto nella stessa giornata d'appello, condotta secondo i criteri definiti dall art. 23 del Regolamento didattico di Ateneo. Commissione di esame Prof. A. Aiello (Presidente), Prof. A. Salvini, Prof. R. Piz, supplente Dott. A. Tesi. Testi obbligatori 1) Catellani, P. (2011). Psicologia politica. Il mulino. 2) Santinello, M., Dallago, L., & Vieno, A. (2009). Fondamenti di psicologia di comunità. Il Mulino. Sociologia della famiglia Prof.ssa Rita Biancheri Il corso affronterà le principali trasformazioni avvenute nella struttura, nella funzione e nell organizzazione della sfera privata con il passaggio dalla famiglia moderna alle nuove famiglie. Successivamente, verrà analizzato diacronicamente come e mutato il significato del matrimonio e, di conseguenza, come si sono evoluti i ruoli genitoriali, i rapporti tra i generi e le generazioni. 11 Saranno, inoltre, presi in considerazione gli approcci teorici più significativi per lo studio della famiglia, avvalendosi del contributo dei classici del pensiero sociologico e di alcuni autori contemporanei. Inoltre si esaminerà, nel quadro del più vasto cambiamento sociale, le conseguenze della modernità sugli individui e sulle dinamiche di coppia, in particolare, si approfondirà il tema dell agire affettivo e il ruolo dei sentimenti con il passaggio dall amore romantico alla relazione pura. L ultima parte del programma riguarderà le politiche sociali a sostegno delle responsabilità famigliari, indagate attraverso la comparazione fra i diversi modelli di welfare europei. Commissione di esame Prof.ssa R. Biancheri (Presidente), Prof.ssa V. Mele membri supplenti: Dott.ssa S. Cervia, Dott.ssa A. Taglioli. Tesi richiesti Saraceno C., Naldini M., Sociologia della famiglia, Bologna, Il Mulino, Biancheri R., Famiglia di ieri, famiglie di oggi. Affetti e legami nella vita intima, Pisa, ETS, Letture di approfondimento consigliate Del Boca D., Rosina A., Famiglie sole, Bologna, Il Mulino, Salvini S., Vignoli D., Convivere o sposarsi? Bologna, Il Mulino, Zanatta A.L., Nuove madri e nuovi padri, Bologna, Il Mulino, Zanatta A.L., I nuovi nonni, Bologna, Il Mulino, Propedeuticità richiesta Sociologia generale.
Related Search
Similar documents
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks